The news is by your side.

Comunali Pescara, Masci: Lega motore della coalizione di centrodestra, giunta uscente scadente

Pescara. “Qui mi sento a casa mia, con molti di voi ho condiviso un percorso politico intenso, che ha cementato grandi rapporti. Sono il candidato di una coalizione che ha nella Lega il suo motore principale”. Lo ha detto il candidato del centrodestra a sindaco di Pescara, Carlo Masci, questa mattina nel palazzo della Provincia, intervenendo alla presentazione dei candidati della Lega alle prossime europee e alle elezioni amministrative di Pescara.

“Al mio posto avrebbe potuto esserci qualsiasi consigliere uscente del centrodestra”, ha proseguito Masci, “perché tutto il centrodestra può contare su una classe dirigente capace e seria, e che ha condotto una battaglia unitaria contro un’amministrazione uscente scadente in tutti i sensi”.

“Dopo i risultati eccezionali ottenuti alle politiche e alle regionali, il 26 maggio è possibile cogliere due obiettivi, alle amministrative e alle europee, che ci consentirebbero di chiudere il cerchio di questa filiera e portare avanti quello che Salvini ha definito il progetto del buonsenso”. Ad affermarlo è Gianfranco Giuliante, commissario provinciale della Lega, presente questa mattina a Pescara.

Nella sala dei Marmi della Provincia, oltre ai candidati alle Europee, Antonello D’Aloisio ed Elisabetta De Blasis, e ai componenti della lista in corsa per le amministrative di Pescara, c’erano i consiglieri regionali Vincenzo D’Incecco,  candidato alle comunali, e Luca De Renzis, insieme al professor Piergiorgio Landini, “figura importantissima per la Lega”, ha rimarcato Giuliante, “che per tutti noi è il Professore”. Lo stesso Giuliante ha portato i saluti del segretario regionale della Lega in Abruzzo, Giuseppe Bellachioma, alle prese con altri impegni elettorali.

“A Pescara il centrosinistra non è stato in grado di ripresentare lo stesso sindaco”, ha continuato il commissario provinciale della Lega, “ha dovuto cambiare perché la credibilità era in frantumi e non c’era un accordo”. “La Lega è invece compatta”, ha concluso Giuliante, “e punta a raggiungere quegli obiettivi di sicurezza e ridisegno di una città che oggi è oggettivamente la più importante d’Abruzzo”.