The news is by your side.

Consiglio straordinario gestione rifiuti approva documenti su inceneritori e ‘green economy’

Pescara. Presieduto da Giuseppe Di Pangrazio, si è riunito stamane a Pescara il Consiglio Regionale in seduta straordinaria, per discutere sul nuovo “Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti”. In apertura dei lavori è intervenuta a nome del M5S la consigliera Sara Marcozzi prima firmataria del documento che ha richiesto la convocazione straordinaria del Consiglio. dipangrazioSuccessivamente, sono intervenuti per il Governo il sottosegretario Mazzocca che ha presentato un proprio documento della maggioranza, quindi i Consiglieri Febbo (FI) e Di Dalmazio (AF). In apertura dei lavori ha illustrato il documento la consigliera M5S Marcozzi. “Abbiamo la necessità di sostenere la proposta di legge presentata in Parlamento, denominata Rifiuti 2.0 – ha posto in evidenza la consigliera pentastellata – perché si giunga a soluzioni chiare e definitive che prevedano: il commissariamento dei Comuni che non raggiungono le percentuali minime di raccolta differenziate, la convocazione della Commissione regionale ambiente per incontrare i Comuni virtuosi e adottare il nuovo piano regionale dei rifiuti denominato scenario del recupero del materiale. Il Consiglio è stato poi sospeso su proposta del Presidente Di Pangrazio per predisporre un documento unitario. Alla ripresa dei lavori il Consiglio ha votato i due documenti presentati, a maggioranza dei presenti. Nel primo si impegna la Giunta regionale a sottoporre all’approvazione del Consiglio, sulla base del 1° scenario Oikos, il recupero della materia, escludendo la costruzione di impianti di incenerimento dedicati. Il secondo documento presentato dal sottosegretario Mazzocca impegna la Giunta a recepire le disposizioni della legge “green economy” con il sistema del vuoto a rendere su cauzione, promuovere il compostaggio aerobico individuale di rifiuti organici stipulando accordi e contratti di programma  per incentivare il risparmio ed il riciclo di materiali. Inoltre, viene invitato il Presidente della Giunta a promuovere “l’istituzione del Forum regionale permanente per l’economia circolare”, aperto alla partecipazione delle istituzioni locali, i rappresentanti della società civile, le organizzazioni economiche di rappresentanza delle imprese e le associazioni ambientaliste, definendo le modalità di partecipazione, anche avvalendosi di appositi strumenti informatici.