The news is by your side.

Consumo in calo per il Covid-19, in Abruzzo rischio chiusura per molte imprese

Ecco i dati di Confcommercio: "urgono provvedimenti più incisivi e rapidi"

L’Aquila. “Nessuna Regione è stata risparmiata dalle conseguenze del Covid-19.  Nell’anno in corso perderemo oltre 116 miliardi di consumi e circa 9.5 punti di Pil”: è quanto spiega, in una nota, il presidente di Confcommercio Abruzzo, Roberto Donatelli. 

“Alla luce dei dati diffusi dal Centro Studi di Confcommercio Nazionale”, sottolinea, “che determina un calo di consumi nel settore del commercio abruzzese del 7.9 con una perdita in valore assoluto di 1.614 miliardi, occorre con urgenza un piano di interventi senza precedenti, che sappia ridare fiducia alle famiglie e sappia garantire adeguato sostegno alle imprese”. 

“Senza un piano di aiuto straordinario”, precisa Donatelli, “in questo autunno saranno migliaia le imprese costrette a chiudere, specie quelle di piccole dimensioni e questo non ce lo possiamo permettere. Il confronto con i dati del 2019 rende evidente lo stato di crisi in cui ci troviamo oggi a causa dell’emergenza Coronavirus.  L’Abruzzo registra una perdita in valore assoluto, con oltre 1.600 miliardi di consumi. Per tornare a crescere, grazie anche ai fondi europei, servono provvedimenti più incisivi e rapidi nella loro applicazione”. 

“Il tempo non gioca a nostro favore ed i nodi fiscali e burocratici che rallentano la crescita”, conclude, “devono ancora essere risolti”.