The news is by your side.

Contributi statali e regionali ai Comuni italiani, ecco la classifica. Fossa e Acciano primatisti in Abruzzo

L’Aquila. Il comune abruzzese che riceve contributi più ricchi da parte dello Stato? Quello di Fossa, con 1.456,61 euro. E quello che riceve più soldi da parte della Regione? Senza dubbio Acciano con 531,08 euro. Ecco le novità che spuntano dalle speciali classifiche redatte per tutti i comuni italiani dall’associazione Open Polis, che da anni spulcia con grande attenzioni i bilanci degli enti locali. Per garantire il proprio funzionamento,infatti, i comuni, come spiega l’istituto di ricerca, non fanno affidamento solo su risorse proprie, raccolte attraverso le imposte e tasse comunali. Possono fare affidamento anche su quelle che derivano da contributi e trasferimenti da parte di altri enti. In particolare, la Regione di appartenenza e lo Stato. A questo proposito, per quanto riguarda le sovvenzioni che arrivano dallo Stato esse si riferiscono a tutte le somme di denaro che lo stesso “ trasferisce, per diverse ragioni, al comune per contribuire alle sue spese di funzionamento”. Per quel che attiene invece ai trasferimenti delle Regioni, essi si possono distinguere in due categorie: quelli correnti, “ordinari”; e gli altri riferibili ai “ fondi che la regione attribuisce al comune per funzioni delegate”, essenzialmente servizi.

Spiegato questo, a quanto ammontano le sovvenzioni statali e regionali sulle quali possono contare le principali città italiane? Secondo Open Polis, dati 2014, la città che ha ricevuto complessivamente più fondi da Regione e Stato è Trieste: 711,56 euro pro capite, di cui la grande maggioranza arriva dal livello regionale (676,37 euro) e solo una piccola porzione dallo Stato (35,19 euro per abitante). Dopo Trieste si piazza Roma, dove il contributo di Stato e Regione ammonta rispettivamente a 273,86 e 225,17 euro pro capite. Mentre il terzo posto spetta a Milano, dove la Regione contribuisce con 229,15 euro per abitante e lo Stato con 165 euro. Tra le città che hanno ricevuto nel 2014 meno contributi e trasferimenti da Stato e Regione, secondo la ricerca di Open Polis troviamo invece Padova, Torino, Bologna. Nella prima prevalgono i finanziamenti regionali, mentre nelle ultime due quelli statali.

E l’Abruzzo? Segnalati i primati di Fossa e Acciano, per quanto riguarda i contributi dello Stato al secondo posto per la mole dei finanziamenti ricevuti si piazza Caporciano (terzo in Italia, dopo lo stesso Fossa) con 1417 euro, seguito da Castel del Monte (1139), Cagnano Amiterno e (Goriano Sicoli (845). Seguono i comuni di Barete con 641 euro, Fano Adriano (623), L’Aquila, prima tra le grandi città abruzzesi (594) e Villa Santa Lucia, con 543 euro. Sempre per gli altri grandi centri, Pescara risulta al 127mo posto con 48,73 euro; Chieti al 118mo con 51,52 euro e Teramo al 179mo con 33,26 euro. Per quanto riguarda invece i contributi e i trasferimenti ricevuti dalla Regione Abruzzo, dopo il comune di Acciano al secondo posto troviamo quello di Rocca di Mezzo con 461 euro, seguito da Rossello (312), Borrello (270), Monteodorisio (198) e Pettorano sul Gizio (136). Mentre a ruota si piazzano Cortino (131 euro), Bisegna (124), Sant’Eufemia a Maiella (122) e, al decimo posto, San Giovanni Lipioni con 106 euro. Tra le grandi città, infine, Chieti è undicesima con 106 euro; l’Aquila tredicesima con 92 e Pescara ventisettesima con 57 euro. (le classifiche complete di Open Polis si trovano all’indirizzo http://blog.openpolis.it/2017/07/19/peso-dei-contributi-statali-regionali-le-citta-italiane/15718). Marta Di Nicola