The news is by your side.

Contributo di autonoma sistemazione: comune di Teramo invita a rispettare la scadenza del 18 marzo

Teramo. Il 18 marzo scadrà il termine per presentare le autodichiarazioni per poter continuare a beneficiare del contributo di autonoma sistemazione da parte dei cittadini sgomberati dalle proprie abitazioni in seguito agli eventi sismici 2016/2017.

“Mancano sette giorni” ricordano il sindaco D’Alberto e l’assessore al Sociale De Sanctis “entro cui tutti i beneficiari del Cas devono necessariamente riempire il modulo di autodichiarazione al fine della prosecuzione, persistendo i requisiti, del percepimento del contributo”. Una scadenza che va osservata al fine di evitare il rischio di decadenza dalle forme di sostegno previste dalla legge. “Considerata la straordinarietà del momento, per via della diffusione del virus Covid-19, di concerto con la Protezione civile nazionale e regionale, provvederemo ad estendere ulteriori comunicazioni alla cittadinanza” continuano i due amministratori “nel caso si provvederà all’adozione di misure straordinarie che, a loro volta, possano posticipare anche la data di scadenza delle autodichiarazioni che però ad oggi, resta quella indicata.”

I modelli delle dichiarazioni sono scaricabili dalla pagina iniziale del sito istituzionale del comune di Teramo e, qualora non vi fosse la possibilità di utilizzare il portale web del comune, sono reperibili anche presso l’urp o l’ufficio attività sociali in via D’Annunzio 120, che è anche responsabile della relativa istruttoria.

Per agevolare il lavoro ed evitare assembramenti, l’ufficio Cas fino al 18 marzo sarà aperto: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 11 alle 13, il martedì dalle 15 alle 17 mentre il giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.