The news is by your side.

Coronavirus, Abruzzo arancione: potenziati controlli per assicurare misure ed evitare assembramenti

Particolare attenzione al controllo degli spostamenti tra Comuni e verso il capoluogo

L’Aquila. Sette aree “zona rossa”, 9 “zona arancione” e 5 “zona gialla”: così cambia la mappa delle Regioni e delle Province autonome alla luce dell’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, alla luce dei monitoraggi dell’Istituto superiore di Sanità. La nuova ordinanza entra in vigore da domani, domenica 15, e il contenuto è già noto: due Regioni, Campania e Toscana, stanno per aggiungersi all’elenco delle zone rosse di cui già fanno parte Calabria, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano e Valle d’Aosta.

Emilia-Romagna, Friuli e Marche diventeranno arancioni, raggiungendo Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia e Umbria. “Gialle” rimangono invece Lazio, Molise, Sardegna, Trento e il Veneto.

In Abruzzo è previsto il potenziamento dei controlli per assicurare il rispetto delle misure e per far rispettare il divieto di assembramenti, con l’utilizzo di impianti di diffusione sonora per richiamare l’attenzione delle persone. Particolare attenzione al controllo degli spostamenti tra Comuni e verso il capoluogo.