The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Coronavirus, arriva l’appello del sindaco di Lanciano: obbligatoria chiusura delle fabbriche non di prima necessità

Chieti. “E’ necessario, ora, in questa fase decisiva per il contenimento del contagio da Covid-19, che regione Abruzzo e Governo dispongano l’immediata chiusura delle fabbriche metalmeccaniche della Val di Sangro non di prima necessità, ossia con produzione non immediatamente utile alla produzione di beni per fronteggiare l’emergenza del coronavirus”. Questo l’appello congiunto del sindaco di
Lanciano, Mario Pupillo, e del presidente del Consiglio comunale, Leo Marongiu, alla luce dell’ordine del giorno approvato dal Consiglio durante l’approvazione del bilancio preventivo 2020.

“In queste ore e negli ultimi giorni”, hanno dichiarato i due amministratori, “riceviamo ripetuti e accorati appelli da parte di tanti lavoratori e tante famiglie preoccupate per la ripresa della produzione in Sevel, decisa ieri pomeriggio. Il Consiglio comunale di Lanciano venerdì scorso ha votato un ordine del giorno urgente per la chiusura immediata delle fabbriche laddove non fosse possibile assicurare piene condizioni di sicurezza. Ci uniamo all’appello di tanti amministratori locali e delle migliaia di lavoratori che, come tutti i cittadini, mettono al primo posto la tutela della salute pubblica e sono al fianco degli operatori sanitari che affrontano negli ospedali un’emergenza senza precedenti”.