The news is by your side.

Coronavirus, bimbo in isolamento all’Aquila. Ha avuto contatti con parenti tornati dalla Cina

L’Aquila. Cresce la paura in Abruzzo per il coronavirus. Un bambino di 4 anni e mezzo, originario della Cina, è stato ricoverato al San Salvatore dell’Aquila per un sospetto di contagio del virus.

Il bimbo, portato al presidio ospedaliero con febbre alta, è stato messo in isolamento: ha avuto contatti con parenti tornati dalla Cina.

Il caso ha fatto scattare le misure di prevenzione dettate dal ministero e della regione Abruzzo. Il bambino è risultato positivo alla ricerca del virus influenzale: secondo fonti della Asl provinciale dell’Aquila, per motivi precauzionali sono stati inviati prelievi all’ospedale Spallanzani a Roma per il test sul coronavirus.

I risultati arriveranno domani mattina. A richiedere le precauzioni il fatto che il padre è tornato nelle settimane scorse dalla Cina.

Non è il primo caso in Abruzzo: il protocollo di sorveglianza sanitaria per sospetta infezione da coronavirus è scattato nei confronti di due cittadini cinesi che nel primo pomeriggio di oggi si sono presentati, riferendo sintomi influenzali, al pronto soccorso dell’Ospedale di Sant’Omero, mostrando sintomi influenzali. I due, residenti in Val Vibrata, rientravano da un periodo trascorso in Cina per partecipare al Capodanno cinese.

Intanto a Pescara e in tutta la Regione cresce la paura per il rischio del contagio: le farmacie sono state prese d’assalto e non si trovano più mascherine.