The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Coronavirus, caos e nuovi contagi all’ospedale dell’Aquila. Reparti pieni e Medicina Covid non ancora attivo

L’Aquila. Continua lo screening all’ospedale dell’Aquila dove nelle ultime ore sono stati accertati oltre 20 contagi tra personale sanitario e pazienti. Non è stata ancora chiarita la catena di contagi al San Salvatore. Le aree più colpite per ora sembrano essere il reparto di Ortopedia e quello chirurgico. Positivi anche due medici. Fino a ora però non sono stati eseguiti tamponi a tappeto. Ieri l’iter è iniziato e oggi dovrà continuare. Il reparto ortopedico è stato chiuso con il trasferimento dei pazienti mente per sanificare gli spazi e tamponare medici e personale paramedico sono state chiusele sale operatorie. Ancora però i tamponi al personale sono in corso. È stata sanificata la palazzina della direzione generale in via Saragat.

Nella prima fase all’ospedale di Avezzano, a causa del contagio di un medico, vennero chiusi due pronti soccorso, quelli di Pescina e di Tagliacozzo. All’Aquila continuano a crescere i contagi anche tra la popolazione. Ieri ne sono stati registrati 30 in città. La scorsa notte c’è stata una emergenza con oltre 15 ricoveri che hanno portato il numero di degenti nel reparto di pneumologia covid a 20.

Alla luce della impennata che da giorni si verifica, ieri +30, e del fatto che il reparto di Malattie infettive è pieno nei suoi 22 posti letto, la Asl provinciale è al lavoro per portare a 30 i posti letto di pneumologia e per attivare il reparto di medicina covid. Sei i ricoverati nella terapia intensiva covid, nel cosiddetto G8, il piccolo ospedale limitrofo al San Salvatore realizzato in occasione dell’evento mondiale organizzato all’Aquila dopo il terremoto del 2009.