The news is by your side.

Coronavirus: “concreto rischio di una terza ondata nei primi mesi del 2021 con allentamento misure”

“È concreto il rischio di una terza ondata nei primi mesi del 2021 se si dovessero allentare ulteriormente le misure di contenimento”. A dirlo è il fisico Corrado Spinella, direttore del dipartimento Scienze fisiche e tecnologie della materia del Cnr, aggiornando uno studio da lui stesso condotto con le proiezioni di contagi, ricoveri e decessi per Covid-19.

“Al momento, con la sequenza di misure che sono state adottate, stiamo tendendo ad un regime corrispondente a poco meno di due volte quello con gli spostamenti del lockdown di primavera – aggiunge – In questo modo, il trend di discesa di tutti i numeri caratteristici della pandemia, dai positivi, ai ricoveri, ai decessi, sarà più lento rispetto alle proiezioni fatte con le misure più drastiche, simili a quelle di marzo 2020. A queste condizioni, sempre che non si allentino ulteriormente le restrizioni, ci metteremo almeno due mesi per tornare ai numeri di quest’estate”. Lo studio ha anche analizzato due Regioni, la Lombardia e la Sicilia.

“In questo momento, secondo le simulazioni, il trend di riduzione dei casi è più marcato in Lombardia che in Sicilia, dando evidenza dunque della diversa efficacia delle misure di contenimento messe in atto, visto che la Lombardia è stata zona rossa e la Sicilia è stata zona arancione – conclude Spinella – La Lombardia ha sperimentato un quasi lockdown da prima maniera mentre le misure in Sicilia non sono state simili”.