The news is by your side.

Coronavirus, è 521 contagiati la soglia massima di pericolo in Abruzzo: ecco perché non va superata

L’Aquila. E’ 521 la soglia massima di persone che possono essere contagiate contemporaneamente in Abruzzo.  La soglia massima di pericolo  non può  essere superata. Il problema è  la carenza di  respiratori e dei posti per la terapia intensiva. Considerando come riferimento l’attuale percentuale di pazienti in terapia intensiva in Abruzzo, che è del 13,97%, con 73 posti disponibili la regione può permettersi un massimo di 521 persone contagiate.

I posti letto di terapia intensiva e rianimazione presenti sul territorio regionale sono infatti  73. Un problema è  però caratterizzato dalle  stanze a pressione negativa, cioè quelle necessarie per evitare la diffusione del coronavirus,   che impediscono quindi la trasmissione di  agenti patogeni nell’aria. Non tutti i  posti sono attrezzati con il meccanismo della pressione atmosferica negativa in Abruzzo. La Regione è ottimista e pensa di incrementare in queste ore la disponibilità a 100 posti letto di terapia intensiva.

Già 5 giorni fa però l’ospedale di Pescara, tra le Malattie Infettive e la Rianimazione, era vicino al limite della capienza massima per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva già da giorni. Sette pazienti sono stati  trasferiti all’ospedale di Penne  dove è stata riattivata la Rianimazione, chiusa dopo il declassamento. In attesa della riapertura della vecchia Rianimazione di Pescara.

Inizialmente in Abruzzo le stanze a pressione negativa  erano una quindicina: 6 a Pescara, nel reparto di Terapia intensiva, 3 a Chieti nel reparto di Cardiologia, una a Penne, una a Sulmona e una nel reparto di Malattie infettive dell’Aquila. La Regione sta mettendo in campo azioni per aumentare questo numero. Determinanti sono stati anche i lavori all’ospedale G8  e l’incremento nel reparto rianimazione del San Salvatore dell’Aquila.

L’Abruzzo è  ancora  nella soglia di  sicurezza con 229 contagiati al 17 marzo. Restano all’incirca meno di 300 i contagiati possibili in Abruzzo.  Il ministero ha dato la direttiva di raddoppiare i posti nelle regioni ma questo potrebbe non bastare.