The news is by your side.

Coronavirus, Fondazione Gimbe spinge per il lockdown: serve subito, tutte le curve in rialzo

L’Aquila. Il lockdown serve subito, tutte le curve epidemiologiche sono in rialzo. E’ quanto afferma la Fondazione Gimbe nel tradizionale report settimanale sulla pandemia. Una stretta immediata e rigida per contrastare il più possibile l’aumento esponenziale dei casi di contagio da coronavirus in Italia è quanto di più necessario per fronteggiare la crisi sanitaria che sta interessando l’Italia. Il report tiene conto del periodo che va dal 6 al 12 gennaio. Questi i numeri:

  • Decessi: 3.490 (+5,8%)

  • Terapia intensiva: +67 (+2,6%)

  • Ricoverati con sintomi: +317 (+3,4%)

  • Nuovi casi: 121.644 (+6,6%)

  • Casi attualmente positivi: +879 (+0,2%)

  • Casi testati +36.433 (+9,7%)

  • Tamponi totali: +89.492 (+10%)

“I dati confermano la lenta risalita dei nuovi casi settimanali e, sul versante ospedaliero, il costante aumento di ricoveri e terapie intensive, dove l’occupazione da parte di pazienti Covid supera in 10 Regioni la soglia del 40% in area medica e quella del 30% delle terapie intensiva. A quasi un anno dallo scoppio della pandemia nel nostro Paese non possiamo più permetterci di inseguire affannosamente il virus”. Lo spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe.

“Considerati i modesti risultati ottenuti dal sistema delle Regioni “a colori” e le incognite legate all’efficacia del vaccino soprattutto in termini di riduzione dei quadri severi di malattia e di trasmissione del virus questa rappresenta l’unica strada per mantenere il controllo dell’epidemia sino a fine anno senza affidarci esclusivamente al vaccino. Infatti, continuando con le strategie di mitigazione, sarà realisticamente impossibile riprendere un tracciamento efficace e l’unico auspicio non potrà che essere quello di raggiungere presto adeguate coperture vaccinali. Questo però significa accettare il rischio di una circolazione virale intermedia con gravi ripercussioni sulla salute e sull’economia ancora fino al prossimo autunno. Senza un lockdown immediato e rigoroso, ci attende un anno di difficile convivenza con il virus, con ospedali ciclicamente al limite del collasso, continui tira e molla sull’apertura di scuole e attività produttive e un aumento inesorabile dei decessi”, ha dichiarato.

“E’ indispensabile attuare rapidamente la strategia soppressiva, al fine di ridurre in modo rilevante i casi attualmente positivi e appiattire la curva epidemica”, precisa Renata Gili, responsabile della ricerca sui servizi sanitari della Fondazoine.