The news is by your side.

Coronavirus, in Abruzzo inizia la decrescita: indice R0 per la prima volta sotto 1 (0,93). Cresce il tasso di letalità (10.7)

Pescara. La curva dei contagi in Abruzzo si conferma stabile, anche se con una lieve crescita, i decessi, purtroppo, si impennano di nuovo. E’ quanto emerge dai dati del Servizio prevenzione e tutela della Salute della Regione Abruzzo che certifica un aumento di 25 casi su 823 tamponi analizzati, pari al 3% di positivi sul totale.  L’indice R0 oggi è per la  prima volta, se pur di un soffio, sotto il fatidico 1, scendendo a 0,93.  Sono invece 11 sono i decessi registrati nelle ultime 24 ore che portano il totale a 310 (+3,67%).

Torna a scendere il numero dei ricoveri ospedalieri non gravi dove se ne contano 312 (-4,87%), 16 in meno rispetto a al giorno precedente. Si alleggerisce ulteriormente la situazione delle terapie intensive dove i pazienti sono 21 (-8,69%). In isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl si trovano invece 1657 (-1,36%) persone. Sono 599 (+9,10%) i guariti, 54 in più rispetto al giorno precedente. Segnali positivi arrivano anche dall’indice R0 che scende sotto la soglia fatidica dell’1 e si ferma a 0.93. Ricordiamo che questo indice mostra il numero di persone sane potenzialmente contagiate da un individuo infetto. Se il parametro R0 registra un valore maggiore di 1 significa che si sta attraversando un fase crescente dei contagi. Al contrario un valore di R0 minore di 1 indica una fase decrescente.

La situazione in Abruzzo – Sono stati registrati, nella nostra Regione, dall’inizio dell’emergenza 2899 (+0,86%) casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, anche attraverso l’Istituto Zooprofilattico di Teramo e l’Università di Chieti. Rispetto al giorno precedente si registra un aumento di 25 nuovi casi. 312 (-4.87%) pazienti sono ricoverati in ospedale, 21 (-8.69%) sono in terapia intensiva e nello specifico 6 in provincia dell’Aquila, 3 in provincia di Chieti, 5 in provincia di Pescara e 7 in provincia di Teramo. Sono in tutto 333 (-5,12%) gli attuali ospedalizzati mentre gli altri 1657 (-1,36%) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza da parte delle Asl di riferimento e a questi vanno aggiunti anche i deceduti e i guariti. Sono 1990 (-2,01%) gli attualmente positivi

I nuovi guariti e il tasso di letalità. 310 (+3,67%) sono i pazienti deceduti in totale, di cui 11 nelle ultime 24 ore. Nella nostra regione il tasso di letalità è del 10,7% (Lombardia 18.3% – Liguria 14,7% – Lazio 6,4% – Umbria 4,7%). Va precisato che questi dati sono raccolti al solo fine di elaborazione statistica e non possono essere considerati come dati epidemiologici ufficiali. Salgono a 599 (+9,90%) i pazienti guariti e di questi 207 quelli che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 392 quelli che hanno risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi.

Il rapporto nuovi contagiati-tamponi giornalieri – Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 35356  (+3,45%) test, di cui 30497 sono risultati negativi. Sono stati 1180 i test totali della giornata di ieri. Ogni 47 tamponi fatti 1 è positivo e il rapporto nuovi contagiati-tamponi giornalieri è del 2.1%.

 La mappa del contagio – Del totale dei casi positivi: 244, si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila dove nella giornata di eri non si è registrato nessun nuovo caso; 751 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti dove in ventiquattro ore sono aumentati di 22 i positivi; 1270, alla Asl di Pescara, qui in una giornata i nuovi casi sono stati 3, e 634 alla Asl di Teramo dove non ci sono stati nuovi casi.