The news is by your side.

Coronavirus, lunghi tempi di attesa per la procedura di scelta del medico e carenza di pediatri

La denuncia di Blasioli (Pd): ecco cosa accade nella città di Pescara in piena pandemia

0

Pescara. “C’è un problema serio alla Asl di Pescara, un problema a cui chiediamo immediatamente di porre rimedio e che è ancor più grave per il periodo pandemico che viviamo. Per questo ho scritto all’Assessore Regionale alla Salute e al Direttore della Asl di Pescara già il 15 dicembre, ma ad oggi non ho avuto risposta”. Tuona così in una nota Antonio Blasioli, consigliere regionale del centrosinistra, sulla questione sanitaria che coinvolge la Asl di Pescara nel pieno della seconda ondata dell’emergenza coronavirus. 

“Giorni fa l’assessore Verì”, spiega Blasioli, “ha presentato un’innovazione tecnologica denominata “Abruzzo Sanità on line”, ma ricevo segnalazioni di protesta per i lunghi tempi di attesa che si verificano per la ri-assegnazione di un medico, se il proprio è prossimo al pensionamento. Innanzitutto va detto che la Asl di Pescara non comunica ai mutuati il pensionamento del medico, informazione che invece viene fornita in altre Asl della Regione, per cui può capitare che i pazienti che non hanno contatto quotidiano con il proprio medico curante si ritrovano a non aver garantita la continuità dell’assistenza perché non subentra immediatamente uno specialista in sostituzione. Sarebbe il caso di adottare questa innovazione tecnologica con efficace rapidità, perché, al pari del servizio telematico, può aiutare a prevenire brutte sorprese e a far inoltrare per tempo la richiesta del cambio medico”.

“Ma ci sono altri due problemi più rilevanti”, precisa il consigliere regionale dell’opposizione, “il primo riguarda i lunghi tempi di attesa per la ri-assegnazione del medico di medicina generale. Mi è stato segnalato che chi, tramite email, ha chiesto un nuovo medico per il pensionamento del proprio, ha dovuto attendere tra le tre settimane ed un mese di tempo ed è una cosa assurda, sia per l’importanza in sé del medico curante, sia per il delicato periodo che viviamo, con la necessità di controlli e di vaccini. Non va meglio a chi, in questi giorni, si è recato alla Asl, in particolare al distretto di via Rieti. Appuntamento fissato dopo il 20 gennaio per iniziare la pratica di ri-assegnazione del medico. Un tempo infinito che richiede un maggiore impegno da parte della Direzione della Asl e dell’Assessore Verì per intensificare il personale che materialmente gestisce queste pratiche. Quest’anno, per l’ambito di Pescara città sono andati in quiescenza 11 medici, che hanno in media 1000 pazienti”.

“Problemi, anche più evidenti, riguardano i pediatri”, specifica Blasioli, “a Pescara sono andati in pensione 3 pediatri e molte famiglie non hanno visto la loro sostituzione, tanto che la determina DPF 015/15 del 08 aprile 2020 non prevede la loro sostituzione, ma solo quella di questi specialisti per i Comuni di Lanciano e Celano.  Anche qui è un problema serio per le famiglie e per i ragazzi che hanno bisogno, per il rientro a scuola, della certificazione del proprio pediatra e che non riescono a trovarne di disponibili. E’ inutile continuare a parlare di potenziamento della medicina territoriale per evitare di intasare gli ospedali”, conclude, “se poi si verificano disservizi e ritardi di questo genere”.