The news is by your side.

Coronavirus, posti letto e rianimazioni occupate: pari al 51% ma stabile rispetto a una settimana fa

E’ pari al 51% e stabile rispetto a una settimana fa, anche se ben oltre il livello di allarme del 40%, il livello di occupazione dei reparti di medicina da parte dei pazienti Covid. Sono 15 le Regioni che superano la soglia prevista dal Ministero della Salute (stesso numero delle rilevazioni del 17 novembre): Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, PA Bolzano, PA Trento, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle d’Aosta.

E’ quanto emerge dall’ultima rilevazione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) relativa ai dati del 24 novembre, che vede una stabilizzazione rispetto ai veloci aumenti precedenti. Per quanto riguarda le terapie intensive, la soglia di allarme di occupazione di posti da parte di malati Covid è stata stabilita essere del 30% e, a livello nazionale, siamo a quota 43%.

Anche in questo caso un dato un dato molto alto ma pressoché stabile (era il 42% una settimana fa). A superarlo sono 17 regioni, stesso numero rispetto ai dati del 17 novembre: Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, PA Bolzano, PA Trento, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta.