The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Coronavirus, Sileri: test salivari per chi entra in Rsa e mappare fragili, bisogna proteggere anziani

"Con aiuto farmacie, parrocchie e associazioni"

Individuare e prendersi cura degli anziani fragili sul territorio con “l’aiuto di parrocchie, associazioni e farmacie” e prevedere nelle residenze per anziani “test salivari rapidi a chiunque entra”. Se fai questo il sistema può reggere, laddove non regge fai lockdown mirati, in base alle aree o alle attività a rischio”. Lo ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri durante la presentazione online del Terzo Report Italiano sulle terapie avanzate (Advanced Therapy Medicinal Product, Atmp).

“Nelle Rsa”, ha precisato Sileri, “dove purtroppo in alcune aree il virus sta entrando, e sappiamo che quando ciò accade determina morti a catena, bisognerebbe fare test salivari rapidi, che abbiamo visto danno un’affidabilità. Si dovrebbe poter entrare solo a fronte di un risultato negativo”. Allo stesso tempo, ha aggiunto, “va fatta una mappa territoriale delle fragilità, cosa che non è difficile e alcuni amministratori locali hanno già iniziato a dare”, anche contando sul contributo che può esser dato “da parrochi, farmacisti e centri anziani”.

“Una volta individuate le persone fragili, va raccomandato loro di restare a casa, gli vanno fornite mascherine Ffp2 e 3 per quando vanno a trovarli i familiari, gli va portata spesa a casa e fatti arrivare i farmaci a domicilio. E vanno tienuti protetti così per 5-6-7 mesi”.