The news is by your side.

Covid e sci, il gestore della seggiovia di Passolanciano: “noi pronti, ma ho dubbi su riapertura del 18”

Impianto per 1.800 persone l'ora, sciovia e tappeto mobile

Passolanciano. “Noi siamo qui, stiamo lavorando per preparare tutto, ma non credo si riapra il 18 gennaio. Guardando i comportamenti del Governo nelle passate scadenze, non credo si possano riaprire gli impianti se prima non si è verificato che con le scuole aperte non aumentano i contagi”. Lo dice Fabrizio Di Muzio che sulla Majelletta, fra Passolanciano e l’hotel Panorama, gestisce una seggiovia lunga 1.100 metri che trasporta 1.800 persone l’ora, una sciovia e un tappeto mobile e ha 13 dipendenti.

“Credo che dovremmo aspettare di vedere cosa accadrà dopo l’apertura delle scuole. Poi se hanno intenzione di mettere le zone rosse il sabato e la domenica, giorni di maggiore affluenza, perché vuol dire che diventa complicato gestire gli impianti. Noi abbiamo adottato le misure per evitare gli assembramenti, stiamo aspettando un’autorizzazione da parte della Provincia di Chieti, che tarda ad arrivare, per il posizionamento di una biglietteria in una posizione defilata, con più spazio intorno: metteremo una biglietteria mobile che abbiamo già pronta, per il resto siamo in regola. Durante l’esercizio se ci saranno delle criticità andremo a correggerle. Io però non credo al 18, la riapertura la vedo più verso il 30”.

Il comprensorio sciistico di Passolanciano – Majelletta, all’estremità settentrionale del crinale principale della Majella, si raggiunge dalla costa in meno di un’ora. Il bacino sciistico sale dai 1330 metri di Passolanciano, con piste che si snodano in una folta faggeta, ai 1990 metri della Majelletta. Per gli amanti di sci escursionismo e ciaspole sono a disposizione 7 Km di tracciati.