The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Dal tramonto all’alba, Pineto omaggia le musiche di Ennio Moricone

Una notte intera al pianoforte per il giovane Marcos Marcelli

Pineto. Un omaggio originale e commovente a un compositore che ha scritto la storia del cinema con colonne sonore straordinarie. Composizioni che sono risuonate una notte intera grazie al talento del giovanissimo pianista di Silvi Marcos Marcelli, il quale a un mese dalla morte del Maestro Ennio
Morricone, ha suonato alcune colonne sonore del Premio Oscar alla Carriera, dal tramonto all’alba.

Teatro dell’iniziativa, la tenuta di Francesco Marcacci prospiciente l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, nel territorio di Pineto. Una iniziativa che è stata interamente ripresa e documentata. Un brano di quello che sarà il Medley di quanto riarrangiato e eseguito da Marcos Marcelli è possibile ascoltarlo e vederlo a partire da oggi sulla pagina Facebook di Storyrec che lo ha prodotto, con la regia di Davide Lupinetti e la produzione esecutiva e ideazione di Pietro Albino Di Pasquale e Davide Lupinetti.

“Questo tributo – spiega il pianista Marcelli, 20enne di Silvi – è nato dopo l’incontro con il regista Davide Lupinetti, con il quale lo abbiamo immaginato. Mi sono affidato all’intuito del produttore Pietro Albino Di Pasquale, il quale mi ha suggerito la formula del medley immaginando una stretta correlazione musico-temporale. I brani sono stati scelti anche in funzione deicolori tipici del cielo. Il primo è stato ‘L’estasi dell’oro’ da ‘Il buono, il brutto e il cattivo’ perché rappresenta bene il momento del tramonto, la notte che si avvicina e la dinamica di un movimento musicale che genera un crescendo rispetto alla luce che antiteticamente si eclissa. Il secondo è stato ‘Love Theme’ da ‘Nuovo Cinema Paradiso’ il brano originariamente più malinconico e struggente, in questa reinterpretazione ho voluto alienare questo senso per soddisfare il criterio di delicatezza che traspare sin dai primi istanti del brano. Poi ho proposto ‘L’ultima diligenza di Red Rock’ da ‘The Hateful Eight’ perché è il momento più cupo, intimo e di pura suspense dell’intero medley. Dato l’angoscioso crescendo tipico del brano l’ho posto al centro per solleticare
quell’atmosfera infima e riprovevole di un sonno angoscioso e tormentato. Seguita non a caso da ‘C’era una
volta il west’ (Tema principale); ossia il riesumarsi del tempo, del clima pacifico, dell’armonia perfetta che
corrisponde a un’apertura, uno spiraglio di sole sul cupo mondo della notte. I pensieri si fanno più dolci e anche
la musica si approccia a esser tale e conduce al sorgere di una nuova alba. Il brano che chiude il medley è
‘Gabriel’s oboe’ da ‘The Mission’ che suggerisce calma, rasserena l’anima e fa riscoprire l’identità di sicurezza
dopo una notte tortuosa. Suonare tutta la notte è stata una esperienza straordinaria che ho vissuto con grande
emozione e con la voglia di mettermi alla prova e affrontare questa sfida, spero che quanto realizzato possa
piacere al pubblico regalando emozioni uniche”