The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Danni per il maltempo del 2017, Marsilio firma 69 convenzioni: 62 milioni per 67 Comuni e 2 province

Pescara. Progetti pronti al via per 62 milioni di euro per i danni del maltempo del 2017 in Abruzzo. Il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha firmato, a Pescara, 69 convenzioni con 67 sindaci e le 2 province di Chieti e Pescara. Si tratta della prima annualità, dei 202 milioni di euro totali su tre anni, delle risorse assegnate all’Abruzzo per gli interventi urgenti a seguito dei fenomeni che hanno colpito il territorio abruzzese nella seconda decade del gennaio 2017. Si tratta di risorse relative ai danni al patrimonio pubblico rispetto alle quali sono stati individuati progetti già cantierabili. Entro il 30 settembre prossimo dovranno essere completate le gare d’appalto e sottoscritto i contratti.

“Capisco che firmare queste convenzioni per eventi calamitosi che si sono verificati nel gennaio del 2017”, ha detto Marsilio, “può apparire quantomeno bizzarro. È sicuramente un tempo troppo lungo che rischia anche di vanificare gli stessi interventi poiché, nel frattempo, i danni potrebbero essere aumentati di ampiezza e intensità. Tuttavia – ha proseguito – visto che le risorse stanziate dal Cipe e assegnate con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ci sono e sono pari a 202 milioni di euro, suddivise in tre annualità, bisognerà lavorare al meglio e rapidamente per fare in modo che i fondi relativi alla prima annualità vengano impegnati entro il 30 settembre prossimo”.

“I nostri uffici, in particolare quelli della Protezione civile regionale”, ha aggiunto il governatore, “sono a disposizione dei Comuni e delle due Amministrazioni provinciali per chiarimenti di qualsiasi genere. Non possiamo permetterci di rimandare i soldi indietro”. Il presidente Marsilio ha poi ricordato che, entro gennaio 2020, occorrerà fare un aggiornamento del piano delle emergenze e una ricognizione dei progetti esecutivi. La seconda annualità prevede risorse pari a 70 milioni di euro così come la terza annualità.