The news is by your side.

Decreto clima, in Abruzzo saranno istituite diverse zone economiche ambientali: ecco le agevolazioni per Comuni ed imprese

L’Aquila. Il ministro Costa ha appena firmato degli emendamenti governativi al DL Clima che aggiungono un surplus di norme concrete volte ad aiutare il processo di mitigazione e controllo dei cambiamenti climatici. “Uno di questi, riguarda l’istituzione delle ZEA, Zone Economiche Ambientali”, spiega il deputato del M5s Fabio Berardini, “parliamo di zone che prevedono agevolazioni e vantaggi fiscali per i comuni che sono nelle aree dei Parchi nazionali o per tutte le persone che volessero aprire al loro interno attività imprenditoriali, chiaramente ecosostenibili”.

“In Abruzzo, polmone verde d’Europa, quindi saranno costituite diverse Zea”, precisa il deputato, “l’obiettivo è supportare la cittadinanza attiva di coloro che vi risiedono, attraverso forme di sostegno alle nuove imprese ed a quelle già esistenti.  Il programma di attività economiche imprenditoriali dovrà essere orientato al contrasto ai cambiamenti climatici, all’efficientamento energetico, all’economia circolare, alla protezione della biodiversità. Inoltre, le imprese beneficiare beneficiarie dovranno mantenere la loro attività nell’area ZEA per almeno sette anni dopo il completamento dell’investimento oggetto delle agevolazioni, pena la revoca dei benefici concessi”. “Quindi un’ottima opportunità per le micro, piccole e medie imprese con sede legale e operativa nei Comuni aventi almeno il 45% della propria superficie compreso all’interno di una ZEA”, sottolinea, “inoltre sempre in ambito di miglioramento della qualità ambientale dell’aria e della riduzione delle emissioni di polveri sottili in atmosfera, sono previsti finanziamenti ai comuni. I centri urbani che programmeranno interventi di riduzione delle emissioni climalteranti degli impianti di riscaldamento alimentati a biomassa, di diffusione del trasporto pubblico a basse emissioni, di efficientamento energetico degli edifici, potranno beneficiare anche di questo fondo”.

“L’Abruzzo è una delle regioni con maggiore biodiversità in Italia ed il nostro capitale naturale va protetto e valorizzato”, conclude il deputato pentastellato, “occorre visione programmatica, coinvolgimento delle imprese e dei comuni che invitiamo ad essere parte attiva in questo processo globale”.