The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Decreto salva banche, Senatrice Pezzopane annuncia un’inchiesta al Senato

L’Aquila. “Avvieremo presto al Senato una commissione di inchiesta monocamerale su Carichieti, Banca Marche, Banca Etruria e Carife che possa accertare se ci siano state omissioni sul versante dei controlli e della vigilanza da parte degli organi preposti e al contempo stabilire con chiarezza le responsabilita’ degli amministratori degli istituti di credito coinvolti. Stefania PezzopaneQuesta vicenda ci vede, come Governo e come Parlamento, impegnati a tutelare il piu’ possibile i cittadini che hanno investito in obbligazioni subordinate spesso tutti i loro risparmi, ma e’ evidente che serve una riforma del sistema del credito, come oggi ha chiarito il Premier Renzi”. Lo dice la senatrice del Pd Stefania Pezzopane, che aggiunge: “sono stata tra i primi parlamentari a sollevare il velo su questa vicenda, perche’ in Abruzzo ha avuto un impatto forte. Per questo ho incalzato il governo e ho firmato il documento per la costituzione della commissione di inchiesta, depositata a prima firma Marcucci”. “La Commissione di inchiesta – prosegue Pezzopane – procedera’ all’accertamento delle responsabilita’ per evitare che si possano verificare casi analoghi. Nella legge di stabilita’ grazie all’impegno del governo, ci saranno anche misure finalizzate al rimborso almeno parziale di chi e’ stato piu’ danneggiato attraverso l’istituzione di un apposito fondo. Come Pd siamo impegnati al massimo per dare risposte alle famiglie, agli imprenditori e in genere ai piccoli investitori. Poi ci sara’ il capitolo della riforma del sistema bancario, perche’ i cittadini devono essere piu’ tutelati di fronte ai possibili speculatori. In Abruzzo oltre a Carichieti, ci sono numerosi sedi e filiali delle altre banche interessate dal provvedimento del governo. In particolare Banca Etruria e’ molto presente nell’area aquilana, solo nel comune di Pizzoli su 5000 residenti, 1000 di essi sono coinvolti da questa vera tragedia”.