The news is by your side.

D’Eramo (Lega) appoggia la linea Zaia: fondamentali tamponi a tappeto. Prima sanitari, forze dell’ordine e operatori servizi essenziali, poi gli altri

L’Aquila. “E’ fondamentale far partire una campagna di tamponi a tappeto in Abruzzo per poter fronteggiare al meglio la diffusione del contagio da coronavirus”. La proposta arriva dal segretario regionale della Lega, il deputato Luigi D’Eramo. “Bisogna che ci attiviamo subito  – spiega D’Eramo – per approntare un piano urgente che consenta di aumentare la capacità di diagnosi del Covid-19, soprattutto tra coloro che sono in prima linea negli ospedali e, poi, per scovare quanti più asintomatici possibile. Questo secondo aspetto, ormai acclarato a livello mondiale anche dall’Oms, potrebbe essere decisivo per arginare l’espandersi del contagio nella nostra regione”.

Pieno appoggio, dunque, alla “linea Zaia”, dal governatore veneto che ha sposato la politica di ampliare più possibile la capacità di diagnosticare Covid-19.

“Studiare subito un piano – spiega D’Eramo – che innanzitutto consenta di reperire le risorse necessarie per avviare questa complessa operazione. Pensiamo a un percorso per step, che parta innanzitutto dagli operatori sanitari, dalle forze dell’ordine e dagli operatori dei servizi essenziali ovvero da chi è in prima linea nella lotta all’epidemia e da chi garantisce l’erogazione di servizi. In seguito si potrà estendere più possibile la diffusione dei test in modo da scovare gli asintomatici e circoscrivere i contagi.

“Il nostro impegno – conclude D’Eramo – è in questo momento tutto rivolto a dare manforte a operatori sanitari e Protezione civile, in modo da contribuire in maniera fattiva ad alleviare le tante criticità di questi giorni”.