The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Difesa dei punti nascita abruzzesi, le dichiarzioni di Giuseppe Di Pangrazio

L’Aquila. E’ ancora accesa la polemica sulla chiusura dei punti nascita annunciati dalla spending review. “In riferimento alla chiusura dei punti nascita, non più dimensionati secondo le normative introdotte dal Governo nazionale, non c’è stato nessun abbandono da parte mia e del Consiglio regionale dei territori interni dell’Abruzzo e dell’area Peligna”. Lo afferma in una nota il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio. “In effetti”, ha aggiunto, “la risoluzione rispondeva parto acquasolo ad istanze strumentali e demagogiche delle opposizioni. Sul piano istituzionale, se fosse stata approvata, sarebbe risultata del tutto inefficace rispetto all’attuazione del Decreto del Commissario per il risanamento del servizio sanitario in Abruzzo, che risponde esclusivamente al Governo centrale ed alla sua legislazione di riferimento. Il Consiglio, infatti, ha poteri d’indirizzo verso il Presidente e la Giunta regionale, ma non verso il Commissario. Questo le opposizioni lo sanno benissimo, innanzi a tutti il Presidente Chiodi, che largamente ha fatto uso di quei poteri straordinari tra il 2008 ed il 2013. E’ infatti da segnalare che il Comitato per i percorsi nascita è stato istituito con Deliberazione della Giunta regionale n. 897 del 23/12/2008 e confermato, proprio in virtù delle vincolanti normative centrali con Decreto Commissariale n. 21 del 13/03/2013, dunque proprio nel periodo in cui il centro destra ha governato la Regione Abruzzo. Nel merito, però”, afferma sempre Di Pangrazio, “la criticità della chiusura dei punti nascita resta ed è rave, soprattutto a Sulmona, un territorio esteso con molteplici difficoltà e va affrontata in tutte le sue conseguenze di riduzione dei servizi erogati, nell’ambito della nuova pianificazione sanitaria che la Giunta regionale si appresta ad elaborare in vista della uscita dalla fase di commissariamento. Assumerò, pertanto, l’iniziativa di proporre all’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale un incontro con il Presidente della Giunta, Luciano D’Alfonso e l’Assessore al Servizio Sanitario, Silvio Paolucci, per programmare una sessione di attivià’ consiliari da dedicare ad una ricognizione, valutazione e proposta di governo del servizio sanitario in Abruzzo, proprio a partire da tutti quei servizi sottoposti a taglio dal 2008 e non piu’ integrati in maniera programmata ed efficace per gli utenti. Spero, in tale direzione”, ha concluso Di Pangrazio, “di incontrare la piena disponibilità di tutti i gruppi consiliari, a prescindere dal loro schieramento, in un interesse costruttivo per una nuova qualità del servizio sanitario in Abruzzo.