The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Discarica Bussi, 27 e 28 maggio arriva la Commissione parlamentare d’inchiesta

Pescara. Dopo la scoperta delle pressioni esercitate dai giudici popolari che hanno innescato reazioni in tutto il mondo politi abruzzese, la Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali sarà a Pescara il 27 e 28 maggio prossimi per approfondire le vicende legate alla discarica dei veleni di Bussi sul Tirino. Secondo quando si è appreso la commissione presieduta dall’onorevole Alessandro Bratti aveva già da tempo in calendario la visita, ma dopo le rivelazioni del ‘Fatto’ non si esclude una robusta tornata di audizioni con tutti i potenziali protagonisti del caso. La Commissione parlamentabussi_sequestro_discaricare di inchiesta sulle attività illecite dei rifiuti lunedì prossimo ha in programma l’audizione delle aziende collegate alla vicenda di Bussi, ossia la Edison e la attuale proprietaria del sito industriale, la Solvay. ”Abbiamo già fatto 4 audizioni sul caso Bussi” ha spiegato Bratti (Pd) “e la decisione di venire a Pescara era già stata presa da tempo. Non rifacciamo processi, ma ricostruiamo fatti e cose. Sicuramente la vicenda è sempre stata attenzionata per la sua gravità e per il contenzioso che comporta”. Le rivelazioni del Fatto Quotidiano sulle presunte pressioni sui giudici popolari da parte di componenti togati della Corte d’Assise di Chieti che avrebbero comportato l’assoluzione dei 19 imputati faranno quindi parte del lavoro della Commissione ”riceviamo tante denuncie, ma anche tante chiacchiere. Approfitteremo della presenza per capire meglio di che si tratta”, conferma Bratti.