The news is by your side.

#domenicalmuseo: a Ferragosto musei aperti anche lunedì 14 e martedì 15 agosto

L’Aquila. “Nei campi arsi, dove la calura estiva rallenta  tempi  di piazze deserte  in “ un grande silenzio dove gli alberi bevono il sole”,  le attività si dilatano in una realtà metafisica fra l’onirico ed il reale mentre torridi anticicloni si susseguono. E’ l’arsura di una natura che aspetta l’Assunta per svoltare, a Ferragosto, con i musei aperti in occasione del ponte. Intanto, la sera, la frescura che ritempra, il tango a L’Aquila dei Cantieri dell’Immaginario, le  composizioni di musicisti cechi deceduti nei campi di concentramento, i concerti a Chieti di Fedez e JAX, gli spettacoli dell’estate celanese, la musica popolare a Sulmona, accompagnano il ritmo dell’uomo verso settembre. Non prima, però, che il penitente passi sotto la Porta Santa per la prima Indulgenza plenaria della storia, siamo  a L’Aquila, è la Perdonanza,  ricordando la figura del Santo eremita Celestino V con l’anteprima di opere di un monaco, Karl Borromaus Ruthart che, sposando lo spirito celestiniano, ci ha lasciato le orme delle sue capacità  pittoriche nei quadri che andranno, in un importante esposizione, a Danzica, sua città natale”.

Domenica  6 agosto  ingresso gratuito in tutti i musei statali #domenicalmuseo

Tutti i musei del Polo saranno aperti lunedì 14 e martedì 15 agosto

L’ingresso in tutti i musei è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura.

Biglietto gratuito al di sotto dei 18 anni.

Con il  biglietto d’ingresso ad un museo è possibile nella stessa  giornata visitarne un altro della rete statale con  riduzione. Tutti i musei sono senza barriere architettoniche.

 

L’AQUILA

MUNDA – MUSEO NAZIONALE D’ABRUZZO – Borgo Rivera –

Vicino stazione F.S. – parcheggio gratuito. Orario: 8.30/19.30.  Chiuso il lunedì. Per info:   [email protected]; tel. 0862.28420/ 3355964661. Biglietto 4 €, ridotto 2 €. Laboratori didattici a cura dell’Associazione D-Munda cell 329 775 2626

La chiesa di San Vito, da poco riaperta al pubblico,  aggiunge un nuovo dettaglio al Borgo della Rivera che gradualmente, con il Munda di fronte le 99 cannelle, sta riappropriandosi di una identità in una città che mostra ancora evidenti  i segni del sisma,  fra  gru che svettano come totem augurali. Entrando nella nuova sede del Museo Nazionale d’Abruzzo, il MuNDA,  si accede in un caleidoscopio intatto dove si ammirano le opere salvate   dal Museo nel Castello Cinquecentesco dopo il sisma e accurati restauri. Sarà per questo che il diaframma fra lo sfascio esterno e l’eleganza delle Madonne medievali, collocate su sofisticate tecniche antisismiche, si apre a chi si incammina nelle sei sale: il bagliore del Trittico di Beffi del primissimo Quattrocento, il naso lesionato per sempre, nella caduta,  del Cristo di Penne del XIII secolo, l’arte fiamminga, la pervasiva presenza francescana nel territorio, fissano la tessera di un puzzle che lentamente si va ricomponendo restituendo al pubblico “l’altra lingua”, quella dell’arte, che possa plasmare, attraverso un percorso di conoscenza, il territorio in un’osmosi che restituisca le energia che a loro volta la plasmarono.

 

I CANTIERI DELL’IMMAGINARIO –  Anche ad agosto proseguono gli appuntamenti al MuNdA, momento importante per ricondurre l’attenzione sul centro storico dell’Aquila e sul suo comprensorio. Impalcature, pali di sostegno, cavi d’acciaio e fasce contenitive sono il palcoscenico innaturale  di cantieri materiali che diventano, nei cantieri dell’immaginario,  metafore di fantasia, creatività e visioni di ricostruzione culturale.

STOCKHAUSEN TRA PASSATO E PRESENTE Progetto  dedicato al  compositore tedesco Karlheinz Stockhausen, per il decimo anniversario della morte (1928-2007) con l’esecuzione strumentale ed elettronica di tre sue opere storiche. Il musicista viene oggi riconosciuto dalla critica, salvo qualche controversia, come uno dei compositori più importanti del XX e XXI secolo. Per alcuni è “uno dei più grandi visionari della musica del XX secolo”. È conosciuto per il suo lavoro sulla musica elettronica, sull’alea nella composizione seriale e sulla spazializzazione in musica. A cura di Società Aquilana dei Concerti e Ensemble elettroAQustica  Dipartimento di Musica e Nuove Tecnologie del Conservatorio di Musica “A. Casella” L’Aquila  supervisione e coordinamento di Maria Cristina De Amicis e Agostino Di Scipio. Prenotazione obbligatoria 0862.24262. Martedì 8 agosto, ore 21.30

 

TANGO   Massimiliano Pitocco fisarmonica e bandoneón, Helga y Andrea tangueros, I Solisti Aquilani in collaborazione con Accademia Istinto Tango. Un avvolgente e avvincente viaggio nella storia del tango, con uno straordinario solista che proporrà, accompagnato dagli archi dei Solisti Aquilani e da tangueros, pagine indimenticabili nelle diverse declinazioni del tango. La passione per la fisarmonica accompagna dalla tenera infanzia, Massimiliano Pitocco, considerato oggi tra i più importanti esecutori e filologi per il repertorio bachiano con il bayan. E’ stato il primo in Italia a suonare il tango di Piazzolla con il bandoneòn, negli anni Novanta. Milva, Bacalov, Morricone, Bussotti, Kremer, Piovani, Capossela, sono solo alcuni dei nomi importanti con cui ha duettato e collaborato.  (in caso di maltempo Auditorium del Parco). Mercoledì 9 agosto, ore 21.30

I SOLISTI AQUILANI TRIO  – Federico Cardilli violino, Margherita Di Giovanni viola, Giulio Ferretti violoncello. Musiche di Schubert, Beethoven, Klein, Krasa. Un programma particolare, che accosta Schubert e Beethoven ai compositori Hans Krasa e Gideon Klein, entrambi nati nella Repubblica Ceca, il primo nel 1899 e il secondo nel 1919, propone un confronto delle creatività in considerazione di contesti politici ben diversi tra loro: prima e dopo l’Impero Austro-Ungarico. I due autori cechi hanno terminato la loro esistenza nei campi di concentramento dove hanno composto anche i brani che il Trio eseguirà e che all’Aquila non sono mai stati eseguiti. Venerdì 11 agosto, ore 21.30

E anticipando il programma della Perdonanza…

Anteprima Karl Borromaus Ruthart ,  monaco celestiniano che ha lasciato il  segno indelebile della sue opera a L’Aquila, nella Basilica di Collemaggio . Esposizione di alcuni bozzetti restaurati  in attesa della grande mostra a Danzica dove il grande pittore nacque nel 1603. Giovedì 24 agosto, ore 19.00

L’Ex Mattatoio si trasforma Conferenza stampa del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, per la presentazione dei lavori,  restaurando l’originale ingresso del Mattatoio di proprietà del Comune dell’Aquila, ceduto al Polo Museale dell’Abruzzo, diretto da Lucia Arbace, con un comodato d’uso gratuito. Finanziamenti Mibact, grazie all’impegno preso dal Ministro On. Dario Franceschini,  RUP arch. Ada Cardellicchio, progettista Arch. Alessandro Mazza, dott. Mauro Congeduti direttore MuNdA.  Venerdì 25 agosto ore 11.00 c/o MuNdA

 

CELANO (AQ)

Castello Piccolomini – Museo d’Arte Sacra della Marsica

Museo di Arte Sacra – Castello Piccolomini – orario 9.00/19.00 tutti i giorni tranne il lunedì  www.museodellamarsica.beniculturali.it – Biglietto intero 4 €, ridotto 2 €. tel. 0863.792922.

 Il Castello Piccolomini ospita il Museo della Marsica dal 1992. La collezione si compone di due considerevoli nuclei: al piano nobile è concentrata l’arte sacra, che offre una significativa panoramica della produzione artistica nel comprensorio marsicano dal VI al XVIII secol,  a colloquio con alcune testimonianze provenienti dal Museo Nazionale d’Abruzzo.  Il secondo nucleo, allestito in  ambienti adiacenti il cortile, comprende la raccolta archeologica costituitasi con i materiali rinvenuti durante i lavori di prosciugamento del lago Fucino, voluti dal Principe Alessandro Torlonia. All’interno della struttura museale, che vanta un alto indice di affluenza,  sono ospitate esposizioni temporanee, manifestazioni culturali e sono attivi servizi educativi per le scuole curati dalla Coop. Limes info e prenotazione cell. 329 4014795

 

Estate celanese 2017

 

Spettacolo di musica napoletana con il Maestro Nando Citarella. Venerdì 4 agosto, ore 21.00

Spettacolo teatrale “Nsem nend, nsem niesiun” . Martedì 8 agosto ore 21.00

Russia Day Tour  . Mercoledì 9 agosto, ore 21.00

Gran concerto di Gala della Banda – Città di Celano. Giovedì 13 agosto ore 21.00

Commedia teatrale “Meglio tacere”  a cura della compagnia teatrale “ Teatranti tra tanti”  Lunedì 14 agosto ore 21.30

Mostra di grafica umoristica a cura dell’artista abruzzese Marco D’Agostino Inaugurazione venerdì 18 ore 17.00. Fino al 30 agosto

Gli occhiali magici” a cura dell’attore Corrado Oddi Spettacolo teatrale. Venerdì 18 agosto, ore 21.30

Spettacolo musicale dedicato al bimillenario della morte del poeta Ovidio con narrazione dei miti  a cura dell’attore Donato Angelosante junior, con accompagnamento musicale dell’associazione “La scala di seta”. Venerdì 21 agosto,   ore 18.30

Santa Messa dedicata agli emigranti .Venerdì 25 agosto, ore 10.00,  

 

 

Alba Fucens – Chiesa di San Pietro in Albe

FESTIV’ALBA  13 eventi dal 9 luglio al 10 agosto nella splendida cornice del sito archeologico di Alba Fucens, tra le meraviglie archeologiche nazionali. A cura dell’associazione culturale Harmonia Novissima in collaborazione con il MIBACT – Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo, il Polo Museale dell’Abruzzo e con la Rete culturale Teatri dei Marsi.  Patrocinio della  Regione Abruzzo, Gal Terre Aquilane,  DMC Marsica, Comune di Massa d’Albe, Comune di Avezzano L’iniziativa è sostenuta anche da importanti aziende del territorio. Info: www.festivalba.it

Classici e musiche da film – Marsican Brass Quintet, gruppo strumentale di ottoni. Domenica  6 agosto, ore 21.15

 

 

MUSè – Nuovo Museo Paludi di Celano – E’ una struttura polifunzionale, attiva come  museo e centro di restauro,  allestita sul bacino prosciugato del lago Fucino,  che sorge dove è stato rinvenuto l’insediamento-approdo lacustre palafitticolo dell’età del bronzo con  pali di quercia conservatisi grazie al fondo melmoso della palude. La collezione spazia dall’età del Bronzo fino all’epoca romana e illustra la storia della Marsica a partire dai primi villaggi palafitticoli. Gli scavi archeologici a  Paludi, effettuati dal 1985 al 1998, hanno portato alla luce un insediamento del terzo millennio a.C. sulle rive dell’antico lago del Fucino. Di particolare importanza le basi dei pali lignei delle capanne e le tombe a tumulo del Bronzo Finale, che conservano i resti del defunto in una sezione di tronco d’albero incavato. Visita al museo martedì-venerdì 8.30-13.30; martedì e giovedì anche il pomeriggio fino alle 17.00. Sabato e domenica su prenotazione tel. 0863/790357 o inoltrando richiesta a: [email protected]

 

SULMONA (AQ)

Abbazia di Santo Spirito al Morrone – località Badia www.santospiritoalmorrone.beniculturali.it. Orario lunedì – venerdì 9.00-13.00 sabato su richiesta. Biglietto 4 €, ridotto 2 €.  Tel 0864.32849. Apertura straordinaria  prima domenica del mese, ad ingresso gratuito,  dalle ore 8.30 alle ore 13.30.

 

L’Abbazia ha rappresentato per secoli  il più importante e celebre insediamento dei Celestini. Le sue origini sono legate alla figura di Pietro di Angelerio, monaco benedettino, eremita, fondatore dell’ordine dei Celestini e Papa con il nome di Celestino V. Sarà lui a iniziarne la costruzione ampliando probabilmente la chiesetta di Santa Maria risalente alla prima metà del XIII.

L’attuale impianto è composto da una monumentale chiesa settecentesca e da un imponente monastero che si articola su cinque cortili interni,  sviluppandosi su una superficie di 16.000 mq.

Serate culturali a cura dell’Associazione Culturale delle Frazioni ad ingresso gratuito

rappresentazione teatrale – venerdì 4

musica legata alle  tradizioni popolari – domenica 6

 

CAMPLI (TE)

Museo Archeologico Nazionale – piazza S. Francesco, 1 – orario 9.00-20.00 – tel 0861.569158 www.archeoabruzzo.beniculturali.it .A SEGUITO DEL SISMA DEL 30 OTTOBRE SCORSO IL MUSEO E’ MOMENTANEAMENTE CHIUSO

CHIETI

 Museo Archeologico nazionale d’Abruzzo – Villa Frigerj

Via G. Costanzi, 2 – Villa comunale – Aperto  da martedì a domenica 9.00-20.00; tel. 0871.404392 www.archeoabruzzo.beniculturali.it.  Biglietto intero 4 €, ridotto 2 €.

 

Ospitato dal 1959 nella villa neoclassica fatta costruire nel 1830 dal barone Frigerj, il Museo espone  la più importante raccolta archeologica abruzzese che documenta la cultura della regione dalla protostoria alla tarda età imperiale, oltre una raccolta numismatica di monete dal IV al XIX secolo. La nuova sala progettata da Mimmo Paladino per  il principe guerriero di Capestrano del VI sec. a.C., unica testimonianza integra di statuaria in pietra preclassica  del popolo vestino, la nuova sezione, i letti di osso e bronzo, il torsetto di Dama, rappresentano  tracce preziose fuse nel linguaggio moderno delle esposizioni. Laboratori didattici per bambini a cura dell’Associazione   Oltremuseo cell. 333 640 5713

CHIETI

Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo – La Civitella

Via G. Pianell – Aperto  da martedì a domenica 9.00-20.00;  www.archeoabruzzo.beniculturali.it

 

Nella parte più alta del centro storico di Chieti sorge il Complesso della Civitella formato dall’anfiteatro romano e dal Museo che ospita tre splendidi frontoni in terracotta policroma di un’area templare che sorgeva sull’acropoli ed una ricostruzione dei templi nella grande sala: è l’inizio della storia urbana che cederà il passo alla sezione da Roma a ieri e infine alla terra dei marruciniLaboratori didattici per bambini curati dall’Associazione culturale Mnemosyne cell. 338 442 5880.

 

Dancing – Esposizione fotografica di Piero Cipollone. In collaborazione con il Comune di Chieti.  Immagini in bianco e nero, stampate su tela di grande formato, personali testimonianze artistiche del mondo della danza internazionale. Abbracciano un periodo temporale che va dalla metà degli anni novanta (con l’uso della pellicola fotografica di alta sensibilità), ai giorni nostri. Tale raccolta comprende immagini di “icone” della danza contemporanea nelle sue diverse espressioni: Carolyn Carlson, Momix, Pilobolus Dance Theatre, Andrè De La Roche ballet; il tango, attraverso la maestria di Miguel Angel Zotto e Milena Plebs; il flamenco con Joaquin Cortes, Lucia Real y el Camborio; l’universalità e l’armonia del movimento con Fabrizia D’Ottavio e la classicità rappresentata dal Balletto del Cremlino. Fino al 30 settembre

 

Astrazioni parallele  mostra  a cura di Erminia Turilli. Sono esposte opere di Achille Pace e del gruppo Atomosfera.7 di Alfredo Celli, Bruno Di Pietro, Rossano Di Cicco Morra, Massimo Pompeo, Anna Seccia, Franco Sinisi. Fino al 10 settembre

 

Arena la Civitella

Notre dame de Parismusical. Venerdì 4 e sabato 5, ore 21.00

JAX e Fedezconcerto domenica 6 agosto, ore 21.00

Lo Stato Socialeconcerto venerdì 25, ore 21.00

Thegiornalisticoncerto sabato 26, ore 21.00

 

Lo Stellario

evento serale danzante -Associazione “Signature” – sabato  19 agosto

 


FRANCAVILLA AL MARE

MuMi – Museo Michetti

“Nella gioia del sole. Michetti e il cenacolo di Francavilla”  Il Comune di Francavilla, in collaborazione con il Polo Museale dell’Abruzzo e, come partner,  la Galleria D’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza, il Comune di Piacenza, la DMC Terre del Piacere presentano 120 tra dipinti, documenti, sculture realizzate dagli artisti  del Cenacolo michettiano per celebrare i protagonisti di una straordinaria stagione artistica  a Francavilla negli anni ’80 dell’800.  Costantino Barbella,  Francesco Paolo Tosti  musicista della corte del re d’Inghilterra, Paolo De Cecco, Gabriele d’Annunzio,   la coppia Matilde Serao – Edoardo Scarfoglio, grandi interpreti del giornalismo a Napoli e Roma, ed altre figure di rilievo conversero intorno alla figura centrale di Michetti e al progetto che rese l’Abruzzo, in quel momento,  una delle regioni all’avanguardia  nel discorso culturale a livello nazionale ed europeo. La mostra si aggiunge ad un  itinerario culturale dei luoghi del Cenacolo. Si andrà, infatti, dalla Casa natale di Gabriele d’Annunzio che conserva opere di altri artisti del Cenacolo, fino a giungere al Museo “Costantino Barbella” di Chieti.  Visite guidate a cura dell’Associazione DADAbruzzo ogni sabato e domenica alle ore 18, previa prenotazione. Info al 388.2408406. Vernissage  seconda edizione, mercoledì 2 agosto alle 18.30, con presentazione del catalogo della mostra alla presenza di Antonio Luciani, sindaco di Francavilla al Mare, Luciano D’Alfonso, presidente Regione Abruzzo, Lucia Arbace, curatrice e direttore Polo Museale.  Una seconda esposizione rinnovata che dedica un’attenzione particolare ad altri personaggi del Cenacolo.

 

 

CASTIGLIONE A CASAURIA

Abbazia san Clemente www.sanclementeacasauria.beniculturali.it Tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.30. tel. 085.8885162 – 0864.32849 e-mail [email protected]. Ingresso gratuito.

 

Attraverso il Chronicon Casauriense, un  prezioso codice  manoscritto e illustrato su pergamena verso la fine del XII sec. e conservato presso la Biblioteca Nazionale di Parigi,  sono note le vicende dell”importante complesso monumentale  sorto nell’ 871, come baluardo a meridione del vasto impero carolingio. La storia della fondazione  del monastero benedettino è  inoltre  illustrata nel rilievo in pietra del portale, ricco di notevoli sculture realizzate al tempo dell’Abate Leonate, cui si deve la ricostruzione e l’ampliamento della chiesa che è stata in tempi recenti  oggetto di importanti interventi di restauro dopo il terremoto del 2009. All’interno sono notevoli l’ambone e il cero pasquale. San Clemente a Casauria è considerato  il monumento romanico più bello d’Abruzzo,  non solo secondo Gabriele D’Annunzio che ha dedicato a questo gioiello d’arte alcune indimenticabili pagine.

 

Ensemble Labirinto Armonico – concerto di musica antica in collaborazione con il Comune di Castiglione a Casauria. Venerdì 18 , ore 18.00. Ingresso gratuito

.

PESCARA

Museo Casa Natale di Gabriele d’Annunzio

Museo Casa natale di Gabriele d’Annunzio-corso Manthonè, 116 – tutti i giorni: orario8.30/19.30; www.casadannunzio.beniculturali.it – Biglietto intero 4 €, ridotto 2 €.  tel.085.60391. Attività didattica a cura di Dadabruzzo cell. 388 2408406

Il museo “Casa Natale di Gabriele d’Annunzio” occupa il primo piano dell’edificio dove nacque e trascorse la sua infanzia il Poeta e conserva ancora l’atmosfera originale ottocentesca, con le sue eleganti decorazioni parietali e gli arredi d’epoca, che ritorna nella sua opera sotto forma di visioni, impressioni, legati al ricordo degli affetti familiari.

La visita ripropone la successione delle prime cinque stanze, che costituiscono il nucleo originario della casa-museo, per ognuna delle quali è riportata la descrizione che il Poeta  fa nel Notturno. Le successive sono destinate all’esposizione di foto, documenti, libri, calchi e cimeli rappresentativi della figura del Poeta.

 

Omaggio a Remo Brindisi. Anteprima del centenario della nascita. Venti opere del Museo Nazionale d’Abruzzo alcune delle quali mai esposte. Nato a Roma nel 1918 da una  famiglia di origini abruzzesi,  Remo Brindisi vive dapprima a Penne dove il padre insegna scultura lignea presso la Scuola d’Arte,  e poi  a L’Aquila per un breve periodo nei primi anni trenta del Novecento. Il Museo Nazionale d’Abruzzo ha acquisito dal poliedrico artista, figlio di un’arte di natura sperimentale e piena di rimandi alle grandi avanguardie europee, un cospicuo numero di opere che coprono l’intero arco  della sua produzione. Quelle  selezionate per questa prima occasione celebrativa mettono in evidenza l’artista attraverso una produzione  che spazia dall’astrattismo all’espressionismo fino ad arrivare a  una concezione più originale e personale sia della figura che della natura.

Il rapporto di Remo Brindisi con l’Abruzzo viene sempre alimentato da contatti, rimandi e tematiche rintracciabili nella sua arte. Sul finire degli anni sessanta  inizia una collaborazione con l’Arazzeria Pennese, il consorzio che aveva rilanciato  l’antica tradizione della  tessitura con il telaio. Brindisi si cimenta nella creazione di lavori utili come modelli per la realizzazione di arazzi instaurando un rapporto ancora più autentico con il “suo” Abruzzo. Affronta in questo periodo tematiche d’attualità legate all’Italia reazionaria degli anni ’60 e primi anni ’70. I suoi colori sono netti e le sue forme dure, l’indagine delle natura avviene attraverso due canali: uno interno fatto di sentimenti e passione, l’altro esterno caratterizzato da una resa più cruda.

La mostra rappresenta l’avvio di un percorso di valorizzazione che viene a stabilirsi tra  Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell’Abruzzo e Alice Carli, assessore alla cultura del comune di Comacchio.

 

POPOLI (PE) 

Taverna Ducale  – www.tavernaducalepopoli.beniculturali.it – 9.00-13.00 lun-ven; sabato, domenica e festivi su richiesta, tel. 085.986701 – Ingresso gratuito.

Il piccolo gioiello di architettura medievale  civile abruzzese, edificato dai  duchi Cantelmo signori di Popoli, è  giunto sino a noi intatto soprattutto nel prospetto rimasto inalterato, con il portale a ogiva, gli stemmi e le bifore. All’interno un piccolo antiquarium e un ambiente attrezzato per mostre ed eventi.             

 

 

          ALTRI LUOGHI DI CULTURA AFFERENTI AL POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO:

L’Aquila –  Basilica  di San Bernardino.

Massa d’Albe (AQ)  – Chiesa di San Pietro in Alba Fucens – tel. 0863.23561

Capestrano (AQ) Chiesa di San Pietro ad Oratorium – cell.349.5407560

Carpineto della Nora (PE) Chiesa di San Bartolomeo – tel.  085.849560 – Comune di Carpineto

Chieti – Chiesa di San Domenico al Corso.

Fossacesia (CH) – Abbazia di San Giovanni in Venere

Info per concessioni in uso di spazi :[email protected]