The news is by your side.

Doveva presentare il suo libro ma non viene informato che l’evento era politico, lo scrittore Franzoso annulla l’evento

Pescara. “Il centrosinistra e i loro candidati per rendersi credibili arrivano ad utilizzare in campagna elettorale autorevoli personaggi nazionali, come Andrea Franzoso, senza che questi ne siano a conoscenza. Franzoso, invitato per la presentazione del suo libro in una scuola la mattina, l'”Ippseoa De Cecco” di Pescara, e il pomeriggio presso un luogo della città di Chieti riceve come da prassi le locandine dei due eventi. A seguito di alcune segnalazioni, viene a scoprire che c’è una terza locandina, di cui non è a conoscenza, nella quale il secondo evento viene sponsorizzato come contestuale alla campagna elettorale di un candidato alle elezioni regionali abruzzesi. Il candidato in questione è lo stesso dirigente scolastico della scuola ed è anche lo stesso moderatore dei due eventi. Franzoso giustamente si infuria, annulla gli eventi e denuncia pubblicamente la cosa”. Sono le parole del deputato Andrea Colletti, a seguito della “denuncia” dello scrittore Andrea Franzoso che sarebbe stato invitato a presentare il suo libro “#Disobbediente” all’interno di un comitato elettorale senza che questo ne fosse informato preventivamente.

“Trucchetti che spiace vedere da persone che ricoprono ruoli”, aggiunge il deputato, “come in questo caso di un preside che dovrebbero essere i primi a condannare certi comportamenti. La preside probabilmente con il suo ruolo vorrebbe utilizzare lo scrittore per fare campagna elettorale a scuola e fuori, peccato per lei che il giochetto non le sia riuscito, anzi la figuraccia fatta è di quelle veramente cocenti”.

“Se questo è il modo di agire dei candidati del centrosinistra”, conclude Franzoso, “non osiamo immaginare cosa potrebbero fare alla guida della Regione. Cinque anni ci sono bastati. Il prossimo 10 febbraio fortunatamente si cambierà modo di fare”.