The news is by your side.

Durissimo appunto di Mariani sui lavori del Consiglio: norme intruse, Marsilio assente, maggioranza allo sbando

L’Aquila. Il capogruppo di Abruzzo In Comune, Sandro Mariani, critica la seduta del Consiglio regionale ancora in corso. Con una nota parla di “Una giornata consiliare partita con un ordine del giorno scarno di provvedimenti da parte della maggioranza ed integrato di colpo con diversi progetti di legge chiamati “fuori sacco” ovvero non previsti all’ordine del giorno.” Per il consigliere regionale di centro-sinistra “L’approssimarsi dell’estate ha inoltre prodotto l’avvio dei “saldi di fine stagione” con la maggioranza che ha predisposto un mega emendamento finanziario pieno di provvedimenti sul bilancio regionale chiamato in barba ad ogni regola di buon costume istituzionale concedendo, tra l’altro, solo mezz’ora alla minoranza per studiare e predisporre sub-emendamenti in sede di commissione.

“All’interno di questo vero e proprio “pacchetto vacanze”, così lo definisce Mariani, “numerose norme territoriali e uno stanziamento inferiore di 150.000€ per i danni da fauna selvatica rispetto al precedente governo regionale. Tutto ciò avviene nella totale assenza del Presidente Marco Marsilio, che appare in aula senza mai intervenire e scompare dal dibattito regionale quasi che ne fosse estraneo, rispondendo esclusivamente con palesi gesti di stizza alle mie sollecitazioni ad intervenire. Dopo pochi mesi questa maggioranza è già una compagine allo sbando, senza capitano, con un Consiglio che ha avuto il “privilegio” di poter ascoltare la voce di Marsilio solo una volta in sei mesi, ossia quando ha presentato il suo programma rimasto, ad oggi, ancora un libro dei sogni.”