The news is by your side.

Duro attacco di Smargiassi: 80mila euro per il JovaBeachParty schiaffo agli abruzzesi e alle vere emergenze

Il pentastellato: "il centro destra dica la verità, hanno trovato i fondi per una serata "

Chieti. “Le motivazioni utilizzate dalla Giunta Regionale per giustificare la spesa di 80mila euro per il concerto di Jovanotti a Vasto Marina mettono in mostra un livello di imbarazzo visibile a chiunque. Provano a mistificare la realtà nonostante su una delibera di Giunta del 18 giugno scorso, consultabile da chiunque sul sito della Regione, ci sia scritto nero su bianco che con 80mila euro viene finanziato il “Jova Beach Party”, un evento peraltro privato e non gratuito, dal momento che è previsto un biglietto di ingresso. Un atteggiamento che suona come una presa in giro per tutti i cittadini”.

È questo il commento del Consigliere Regionale del MoVimento 5 Stelle Pietro Smargiassi in merito ai fondi stanziati dalla Regione destinati all’area concerto di Jovanotti.

“Non vogliamo criticare l’evento”, precisa il pentastellato Smargiassi, “il concerto di Jovanotti farà bene alla città, a tutto il suo tessuto economico e porterà migliaia di persone a Vasto. Ma non può passare sotto silenzio il comportamento inaccettabile del centro destra che tira in ballo la bonifica del Fosso Marino. Gli abruzzesi hanno il diritto di sapere che i fondi presi dal capitolo a cui si fa riferimento, possono essere investiti esclusivamente in iniziative ed eventi culturali per l’offerta turistica, non in opere di bonifica. Quindi le cose sono due: o non conoscono le regole per fare buona amministrazione, e in tal caso dovrebbero avere la sensibilità di andare a casa, o stanno dicendo una bugia”.

“Quello che emerge”, spiega il consigliere regionale del M5S, “dalla versione resa nota alla stampa dagli uffici della Regione, è una gestione dei fondi totalmente casuale, senza seguire nessun tipo di visione. Visto che possiamo permetterci di spendere 80mila euro per una singola serata e un singolo evento a Vasto Marina, immagino che i soldi a disposizione siano un’enormità. La presenza di due consiglieri di maggioranza di Vasto nella Giunta Regionale mi spingeva a credere che le priorità del nostro territorio fossero note. Purtroppo i fatti dicono che non è così, allora ne approfitto per ricordarne qualcuna”.

“Ad esempio i tratti di costa devastati dall’erosione”, prosegue, “la fognatura di acque bianche con i tubi che escono direttamente sulla battigia, la bonifica del Fosso Marino con i fondi a essa realmente dedicati, un sistema serio di videosorveglianza che garantisca sicurezza in una zona meravigliosa della città, il Viadotto San Nicola fermo a quattro mesi fa quando facemmo una segnalazione all’ANAS, un parcheggio costato milioni di euro e adesso chiuso e in stato di totale abbandono, la pavimentazione lungo la passeggiata del lungomare che deve essere riqualificata”.

“Potrei andare ancora avanti parlando delle attività culturali”, continua Smargiassi, “ricordo a tutta la maggioranza che Vasto è una città dalla storia millenaria. Invito pertanto la Giunta, oltre a finanziare con 80mila euro un concerto, a intervenire con urgenza su attività che riguardano le Terme Romane, il museo della città, la pulizia delle facciate esterne del castello che rappresenta la nostra cartolina per i turisti di tutto il mondo”.

“Temo invece”, conclude il consigliere del MoVimento 5 Stelle in Regione Abruzzo, “che niente di tutto ciò sarà mai portato a termine. Il centro destra sta dimostrando di avere ben altre priorità, ma non possono permettersi di prendere in giro i cittadini impancando scuse smentite dai fatti. Il MoVimento 5 Stelle non glielo permetterà mai, se lo mettano bene in testa fin da adesso che la legislatura è appena iniziata. Di fronte a provvedimenti così siamo pronti alle barricate in difesa degli abruzzesi e degli abitanti di Vasto”.