The news is by your side.

E’ morto Guido Conti: l’ex generale dei carabinieri forestali trovato senza vita nella sua macchina

Pacentro. E’ morto Guido Conti. Da maresciallo della Forestale indagò su Bussi, si era da poco congedato con il grado di generale dall’Arma dei carabinieri per andare a lavorare alla Total, in Basilicata, sempre in campo ambientale. L’uomo è stato ritrovato senza vita nella sua auto. Secondo indiscrezioni sembra che sulla sua Smart ci fossero anche le pistole d’ordinanza. Conti era scomparso da questa mattina. Il ritrovamento nel pomeriggio da parte dei suoi ex colleghi nei pressi di Pacentro. L’uomo aveva 58 anni e  una brillante carriera alle spalle. Per questo è un gesto tanto estremo risulta a quanti lo conoscevano di difficile comprensione. Originario di Sulmona, aveva diretto diversi reparti nel Corpo forestale dello Stato: Comandante distrettuale ad Avezzano e Sulmona, Capo del Nucleo Investigativo dell’Aquila, Comandante Provinciale di Pescara, Comandante Regionale dell’Umbria, Coordinatore del Parco Velino Sirente, Docente e Comandante Battaglione Allievi nelle Scuole di Cittaducale e Sabaudia. Conti è stato anche insignito del premio Ambiente e Legalità di Legambiente. Tra le sue inchieste ci sono: Bussi, ‘Mare Monti’, il G8 dell’Aquila, ‘Cabina di Regia’, i fiumi alla diossina, i sequestri dei ripetitori delle tv nazionali e regionali, la Thyssenkrupp di Terni, i traffici di rifiuti in Umbria, Iron 1 e Iron 2. fdm