The news is by your side.

E’ nato Eduard, il primo nel nuovo delta chirurgico del San Salvatore

L’Aquila. La cicogna ha ‘depositato’ il primo bimbo nei locali appena ristrutturati del Delta chirurgico, in cui Ostetricia è rientrata ieri, dopo aver lasciato la sistemazione provvisoria in cui era rimasta dopo il sisma. mamma con bimboE’ un vagito che, nella sua inconsapevolezza, marca uno spartiacque nel post sisma e che segna il ritorno alla normalità del reparto con la rioccupazione dei locali originari ante-terremoto. La nuova vita, a cui il caso ha affidato questo simbolico e importante passaggio,  appartiene a un bebé di nome Eduard, con peso di 3 chili e 700 grammi, nato questa mattina alle ore 6.27, da genitori della Romania. Tanta felicità della neo mamma, Andrea Elena, e del papà Ionut Marius. Peraltro, il primo vagito, registrato nei locali riammodernati del primo piano del delta chirurgico, in cui da ieri si trova ostetricia, ha tenuto a battesimo un nuovo dispositivo davvero chic. Si tratta di un lettino rotondo, acquistato da poco che, tramite rotazioni e manovre pilotate in modo automatico, consente alla partoriente di compiere al meglio tutti i movimenti, dal travaglio fino al parto. Un ausilio  che arricchisce la dotazione del serlettino rotondo per partovizio e delle sale parto che, con la rioccupazione dei nuovi spazi, diventano 3 rispetto all’unica che era disponibile finora. Ogni sala parto, peraltro, è adibita funzioni specifiche: una per i parti ordinari, una per le nascite in acqua e una terza attrezzata per compiere interventi chirurgici in caso d’urgenza. Insomma, lo strillo di Eduard, che oggi ha annunciato il suo approdo alla vita, farà da battistrada a una nuova ‘formula’ di parto ancora più confortevole, impreziosita da tecnologie, ottima organizzazione e locali curati anche nelle tonalità cromatiche.