The news is by your side.

E’ Rinaldo Tordera il nuovo manager della Asl 1 L’Aquila-Avezzano-Sulmona

L’Aquila. La Giunta regionale, nella mattinata di oggi, sotto la presidenza del governatore, Luciano D’Alfonso, ha nominato il dott. Rinaldo Tordera, direttore generale della Asl 1 L’Aquila-Avezzano-Sulmona. Rinaldo TorderaIl presidente D’Alfonso e la Giunta, inoltre, per questa straordinaria fase di avvio della sanita’ nella provincia dell’Aquila rendono, inoltre, disponibile l’esperienza del consulente della presidenza, Dott. Roberto Marzetti, per realizzare la presa in carico della nuova gestione in ragione delle apprezzatissime competenze maturate in precedenza. Rinaldo Tordera, 59 anni, lombardo di nascita, direttore generale della Carispaq dal 1999 al 2011, e’ amministratore unico dell’Asm, (Aquilana Societa’ Multiservizi) e presidente del conservatorio di musica Casella dell’Aquila.  “Esprimo un sincero augurio di buon lavoro al nuovo direttore generale della Asl Rinaldo Tordera. Con questa nomina è finalmente terminato il lungo e deprecabile tira e molla politico dal quale, come presidente della Provincia, ho scelto di stare fuori, convinto, come sono sempre stato, che quella del direttore generale debba essere una figura super partes scelta unicamente sulla base delle proprie competenze e professionalità”. Così il presidente della Provincia dell’Aquila Antonio De Crescentiis appresa la notizia della nomina di Rinaldo Tordera quale manager della Asl n.1  Avezzano – Sulmona – L’Aquila, da parte della Giunta regionale. “Auspico che l’impegno del dottor Tordera, alle prese con le complesse e delicate problematiche del settore, possa produrre quei risultati per il sistema sanitario locale che i cittadini si apettano, garantendo servizi e prestazioni sanitarie adeguate su tutto il territorio provinciale. Dal punto di vista operativo – conclude De Crescentiis – sono a disposizione per dare un contributo fattivo che metta al centro dell’assistenza sanitaria tanto i presidi ospedalieri quanto i servizi territoriali a tutela anche dei piccoli centri della nostra provincia”.