The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Ebola, dalla Asl assicurano che a L’Aquila il rischio non c’è mai stato, dimessi i 3 nigeriani

ospedale-san-salvatore-aquilaL’Aquila. “Il rischio Ebola All’Aquila non c’e’ mai stato ed e’ molto, molto improbabile che raggiunga l’Italia; i 3 degenti ricoverati al S. Salvatore, per ragioni banali e del tutto estranee al virus, saranno dimessi tra oggi e domani”. Fa chiarezza in modo inequivocabile il direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale di L’Aquila, dr. Alessandro Grimaldi, smontando le notizie su un presunto caso Ebola nel capoluogo regionale. “I 3 immigrati nigeriani”, dichiara il dr. Grimaldi, “in ospedale sono stati sottoposti ad accertamenti di routine per ragioni del tutto banali, febbre blanda e un po’ di tosse, nulla che vedere, neppure lontanamente, con l’Ebola; i 3 stanno bene e tra oggi e domani saranno dimessi” “Detto questo”, aggiunge il dr. Grimaldi, “e’ davvero molto difficile che il contagio si possa diffondere all’Aquila, cosi’ come in altre localita’ italiane, attraverso questi migranti” “Infatti Ebola dispiega i suoi effetti tra i 2 e 21 giorni dal momento del contagio, tempi molto inferiori alla durata di uno spostamento dall’Africa alle coste italiane, con tappa intermedia in Libia. Per compiere questo tragitto si impiegano mesi e invece gli effetti del virus, come detto, si manifestano al massimo entro 3 settimane. “Va inoltre ricordato – aggiunge l’esperto della Asl dell’Aquila -che le autorita’ sanitarie italiane, come nel caso dei migranti giunti sabato scorso in citta’, predispongono misure accuratissime ed effettuano controlli immediati sia negli aeroporti italiani sia nei luoghi in cui gli immigrati giungono. In ogni caso, la nostra Asl, gia’ nelle settimane scorse, ha messo a punto un’Unita’ di rischio”, prosegue Grimaldi, “per trattare eventuali emergenze di questo tipo, che si avvale dell’attivita’ combinata di piu’ reparti del S. Salvatore. Peraltro, il reparto malattie infettive e’ dotato di sistemi all’avanguardia, con 10 stanze a bassa pressione negativa che garantiscono il totale isolamento dei malati. Inoltre”, conclude Grimaldi, “i pazienti con eventuali infezioni hanno accesso diretto al nostro reparto, grazie a un percorso che evita il passaggio in altre Unita’ operative all’interno dell’ospedale”.