The news is by your side.

Ecco 10 motivi per visitare l’Abruzzo, parola di CNN. Tra bellezze naturali e buona cucina si riparte dal turismo…

L’Aquila. “L’Abruzzo ha sempre attirato visitatori grazie alla sua invidiabile stagione delle nevi, turisti per lo più a maggioranza europea. Ora la regione, un mondo lontano dall’Italia moderna, potrebbe essere sull’orlo di un boom del turismo internazionale. I visitatori sono sempre più alla ricerca di destinazioni regionali meno note e sconosciute – e l’Abruzzo ha tutto”, si legge in articolo pubblicato dalla CNN. “Ciò include i laghi, la costa adriatica, i parchi nazionali, le imponenti catene montuose, i siti patrimonio dell’UNESCO, alcune delle più belle città medievali del paese e una cucina eclettica e varia che cambia dalla spiaggia alla montagna. Molti operatori turistici e pionieri stanno lavorando duramente per mettere la regione verde centrale dell’Italia sulla mappa. Nella provincia dell’Aquila, i locali di Sulmona Katy Gorman e Susanna Iraci gestiscono il progetto Welcome to Sulmona, l’unica guida inglese del suo genere nella zona. Oltre a suggerimenti e consigli, offrono una vasta gamma di servizi per i visitatori, tra cui un tour gastronomico a piedi. “L’Abruzzo ti sorprende”, dice Gorman. “Rappresenta ciò che la maggior parte della gente si aspetta da un’esperienza di vacanza italiana ma semplicemente non riesce a trovare nelle destinazioni più conosciute. Senza folle, facile accesso da Roma e dal suo aeroporto di Pescara (che serve alcune delle principali città italiane, britanniche ed europee), l’Abruzzo ha qualcosa per tutti, dal viaggiatore del cibo e del vino (e non aspettarti di pagare quello che vorresti le grandi città) all’avventura e al viaggiatore sportivo”.

Ecco l’elenco dei 10 motivi per visitare l’Abruzzo stilati dalla CNN:

1 LA CUCINA:Con le montagne e il mare come confini strategici, la pesca e l’agricoltura sono la linfa vitale di questa regione. La cucina quindi varia in modo significativo dalla costa, dove i piatti a base di pesce sono importanti, alle zone interne dove i legumi e la carne – soprattutto carne di montone e maiale – regnano sovrani. Gli arrosticini, sottili spiedini di montone, sono uno dei suoi piatti più famosi. Semplicemente salati e grigliati alla fiamma, vengono ordinati a centinaia nei tavoli da pranzo di famiglia. L’Abruzzo ha anche una lunga storia di pastificazione e ha prodotto gli spaghetti alla chitarra fatti a mano per oltre 200 anni. Questa varietà di pasta all’uovo viene spinta attraverso un involucro di legno con corde simili a chitarra in acciaio inossidabile”.

2 CORSI CULINARI: “I visitatori della regione hanno la possibilità di iscriversi a una scuola di cucina o addirittura trasformare il loro viaggio in uno culinario completo”.

3 VINO DI FAMA MONDIALE:Emiliana Dell’Arciprete, abruzzese e fondatrice del blog Abruzzo4Foodies, afferma che il turismo enogastronomico è la chiave per posizionare l’Abruzzo come destinazione preferita. Quando si parla di vino, l’Abruzzo è famoso per il suo Montepulciano d’Abruzzo rosso. la maggior parte della produzione vinicola della regione si trova in provincia di Chieti e alcune delle prime bottiglie di Montepulciano che hanno ricevuto l’ambita etichetta di garanzia di qualità DOC (denominazione di origine controllata). Alcuni importanti produttori locali producono vitigni biologici e vegani.

4 SPIAGGE IDILLIACHE: L’Abruzzo potrebbe non avere mai la reputazione della spiaggia della Costiera Amalfitana, della Sicilia o della Sardegna, ma ha le sue caratteristiche in termini di lunghi tratti di spiaggia sabbiosa lungo l’Adriatico. Quelli che ricevono costantemente il punteggio di bandiera blu italiana per le acque incontaminate si trovano nella provincia di Chieti o Teramo. Ortona è popolare tra i locali e vanta numerosi stabilimenti balneari e Pineto è un’altra località turistica con spiagge sabbiose ombreggiate da pini che le danno il nome. A sud, Vasto era un famoso villaggio di pescatori romano e vanta un tratto sabbioso, e la caratteristica città medievale è arroccata con vista sul mare”.

5 SPLANDIDI LAGHI E SORGENTI NATURALI:La bellezza naturale dell’Abruzzo rivaleggia con ogni regione attraverso la penisola a forma di stivale. Molti dei suoi sette laghi pittoreschi hanno campeggi vicini o opzioni di alloggio così come sport acquatici come il rafting e la canoa. Il Lago di Bomba ha località turistiche nelle sue vicinanze e il Lago di Scanno e Barrea sono tra i più belli, circondati da montagne e strade tortuose in avvicinamento. La Sorgenti del Pescara (riserva naturale con sorgenti cristalline) della piccola città di Popoli è un’altra delle mete preferite dai locali, in particolare nelle calde giornate estive”.

6 SPETTACOLARI PISTE DA SCI E DA TREKKING:  “Con il loro paesaggio montano, non c’è da meravigliarsi che città come Roccaraso, Castel di Sangro, Ovindoli e Campo Felice siano magneti per gli sciatori appassionati di Italia e altre parti d’Europa. L’area diventa una nevicata pesante e duratura ogni anno e con la Cinquemiglia (una pianura lunga cinque miglia, alta 1.200 metri), l’Abruzzo offre alle altre destinazioni alpine una vera corsa per i loro soldi (ad una frazione del costo). Un terzo della regione è costituito da parchi nazionali, che lo rendono la regione più rurale d’Italia. Nei mesi più caldi, i sentieri escursionistici in molte di queste città sono perfetti per coloro che amano i grandi spazi aperti. Alcuni dei migliori sono nel Parco Nazionale d’Abruzzo e nel Parco Nazionale della Majella.”

7 CITTA’ MEDIEVALI PRESEVATE: Lontano dalla folla di città medievali più famose come Siena Toscana o San Gimignano, luoghi come Pescasseroli, Tagliacozzo e Santo Stefano di Sessanio offrono esperienze regionali ancora più autentiche e paesaggi mozzafiato (alcuni anche con castelli). Uno dei più caratteristici è Rocca Calascio, che vanta una torre di avvistamento del 10 ° secolo e rimane il più alto forte in tutta Italia, a quasi 1.500 metri sul livello del mare. L’Abruzzo è pubblicizzato come la regione più verde d’Italia a causa del numero di parchi nazionali all’interno dei suoi confini e la maggior parte delle città si affacciano su imponenti pareti rocciose o con imponenti catene montuose come sfondo”.

8 I CONFETTI: “Sulmona è famosa per essere la capitale dei confetti”.

9 MIGLIORI RISTORANTI:Mentre il settore alimentare italiano cerca costantemente di innovare e onorare le tradizioni storiche e le usanze locali, gli stabilimenti gastronomici di qualità continuano a spuntare nel paesaggio abruzzese. Uno degli chef più famosi d’Italia, Heinz Beck è al timone del Café Les Paillotes (Piazza le Laudi 2, Pescara). Il ristorante è situato sul lungomare di Pescara, affacciato sull’Adriatico e ora ha una stella Michelin. Nel frattempo Niko Romito ha diretto Reale (Piana Santa Liberata, Castel di Sangro) con la sorella Cristiana dal 2000. Lo chef autodidatta ha ricevuto tre stelle Michelin nel 2013 – ci sono solo otto ristoranti in Italia con questo titolo. Situato all’interno di un ex monastero del XVI secolo a Castel di Sangro, il menù di Reale combina alta cucina con i migliori prodotti d’Abruzzo e oltre”.

10 LA COSTA DEI TRABOCCHI:Questa costa, lunga 70 chilometri, protetta dall’UNESCO, si estende da Ortona a San Salvo, in provincia di Chieti. La sua vista più sorprendente è una collezione di strutture da pesca conosciute come trabocchi. Storicamente i trabocchi venivano utilizzati dai pescatori per evitare le acque profonde e raccogliere varietà come acciughe, sardine, orate e spigole. Mentre molti non sono più in uso perché non possono competere con la moderna tecnologia di pesca, alcuni sono ancora gestiti da generazioni di pescatori e si sono diramati, ora operativi come ristoranti”.