The news is by your side.

Ecco chi era nell’hotel di #Rigopiano, storie che si incontrano nel dramma. L’Italia #colcuoreinabruzzo

Pescara. Passano le ore e si riduce la speranza di trovare ancora in vita le 30 persone rimaste intrappolate all’interno dell’hotel Rigopiano, ai piedi del Gran Sasso travolto da una valanga che ha prodotto distruzione e morte. Una valanga che ha sepolto sogni e speranze di chi era nello splendido resort per una pausa dalla vita quotidiana, per riposare la mente e il corpo, per godere della bellezza della natura che da queste parti, in ogni stagione, offre paesaggi da fiaba. Niente di tutto questo. Solo dolore, distruzione e morte hanno trovato i malcapitati in una tragica giornata d’inverno che resterà nella storia. Non si hanno ancora notizie di Adriana Parente, infermiera in una casa di cura a Spoltore, in provincia di Pescara, e dei suoi due figli di 6 e 8 anni . Si tratta della famiglia di Giampiero, il cuoco in vacanza nell’hotel che per circostanze di fortuna è riuscito a lanciare l’allarme che, sia pur con qualche ritardo, ha fatto scattare la macchina dei soccorsi. Si era recato in macchina Giampiero per prendere alcuni medicinali al momento della tragedia. Mentre stava tornando verso l’hotel ha sentito rumori e scricchiolii e ha visto la montagna che cadeva. Sulla sua pagina Facebook il cuoco ha postato solo la foto di tutta la famiglia insieme, sempre lui con la moglie e i due bambini.

E le ultime immagini sono proprio della festa di compleanno della bambina: “E poi arriva un giorno – ha scritto il 13 gennaio – e tu hai già 6 anni. Tantissimi auguri, un bacione da papà”. Salvo anche un manutentore dell’albergo, Fabio Salzetta, ritrovato all’alba nella sua auto e ora ricoverato all’ospedale di Pescara. C’è una coppia di parrucchieri di Castelfrentano in Abruzzo, sono Luciano Caporale e Silvana Angelucci. Sono rimasti nonostante l’invito dell’amico Luca a lasciare per tempo l’hotel. Altri abruzzesi sono Sebastiano di Carlo con moglie figlio e Pietro di Pietro, funzionario di un’azienda trasporti. Era in hotel con la moglie, tutti sono di Loreto Aprutino. Sale a 7 il numero dei dispersi provenienti dalle Marche. Oltre alla coppia di Castignano, non si hanno notizie di Domenico Di Michelangelo, 41 anni, di Chieti, poliziotto in servizio a Osimo, della moglie Marina Serraiocco, 37, di Popoli, e del loro bambino. Dispersi anche Emanuele Bonifazi, 31 anni, di Pioraco, dipendente dell’hotel, e Marco Tanda, 25 anni, residente a Macerata. Era con la fidanzata abruzzese Jessica Tinari, anche lei dispersa. Sono arrivati da Ascoli Piceno invece Marco Vagnarelli e la sua fidanzata Paola Tomassini. Avevano scelto una vacanza in montagna. L’ultimo contatto di Marco è stato con suo nipote e lo avvisava del fatto che avrebbe ritardato la partenza. Tra gli ospiti dell’hotel in questi giorni c’erano anche due giovani coppie, una di Giulianova e l’altra di Atri, e due giovani dipendenti della struttura. Sono i fidanzati Giorgia Galassi e Vincenzo Forti, quest’ultimo titolare della pizzeria Peter Pan di Giulianova, i coniugi Claudio Baldini e la moglie Sara, e le due dipendenti Cecilia Martella di Atri e Luana Biferi di Bisenti. Nell’hotel anche il proprietario Roberto Del Rosso e Alessandro Ricetti suo dipendente. Lavoravano nella struttura anche Linda SalzettaGabriele D’Angelo, cameriere, Alessandro Giancaterino, capo cameriere e padre di un bambino, Marinella Colangeli, responsabile della Spa, anche lei abruzzese, Nadia Acconciamessa, di Loreto e Sebastiano Di Carlo, di Penne, ristoratori e infine  Pietro Di Pietro, oltre al proprietario dell’hotel, Roberto Del Rosso@gianlucarubeo