The news is by your side.

Elemosinanti molesti a Giulianova, continuano le denunce dei cittadini. CasaPound: intervenga amministrazione

Giulianova, 19 Ottobre – “Le continue denunce da parte dei cittadini riguardo l’accattonaggio molesto in diversi punti della città non sembrano smuovere minimamente l’amministrazione che persevera nel suo lassismo” afferma Roberto Monardi, responsabile per la Provincia di Teramo di CasaPound Italia. “Insistenze moleste, insulti e violenze verbali, minacce di danneggiamento alle auto, sono solo alcune delle cose a cui và incontro qualunque cittadino parcheggi in prossimità dell’ospedale, della stazione ed in altri punti nevralgici di Giulianova. Responsabili di questi atteggiamenti inaccettabili sono alcuni immigrati che sembrano essersi impossessati, ad esempio, del parcheggio antistante l’ospedale giuliese, senza che nessuno si degni di mandarli via e ripristinare legalità e sicurezza”.
“Il metodo”, continua Monardi, “è sempre lo stesso: appena si arriva al parcheggio si è subito avvicinati da uno di questi signori che prova a vendere accendini o altro, e che davanti ad un cortese diniego continua la pressione per ottenere qualche spicciolo, pressione che può diventare insulto e addirittura minaccia – come denunciato da più cittadini – di danneggiamento all’auto appena parcheggiata. E’ una prassi tanto più odiosa se si considera che questi signori la esercitano specialmente nei confronti di persone sole o anziane, che sentendosi più vulnerabili cedono facilmente e versano il non dovuto obolo”.
“Quello che chiediamo”, conclude Monardi, “è che l’amministrazione intervenga definitivamente e risolva il problema una volta per tutte perchè non vorremmo tra pochi mesi ritrovarci di nuovo punto e a capo. Vorremmo inoltre che si intervenisse anche in altre zone della città, come la stazione ferroviaria ed il sottopasso che dalla statale immette in corso Nazario Sauro, anch’esse afflitte da queste presenze moleste che impediscono una serena fruizione della città soprattutto alle persone più deboli”.