The news is by your side.

Emergenza Coronavirus, un medico abruzzese nella task force del Ministero della Salute

Roma.  C’è anche un medico abruzzese nella task force del Ministero della Salute per far fronte all’emergenza Coronavirus. Si tratta di Fabrizio Venturini (primo volto da destra nella foto), Primo dirigente medico della Polizia di Stato (colonnello), con funzione di Direttore della Prima Divisione Affari Generali della Direzione Centrale di Sanità della Polizia di Stato, fa parte della task force istituita il 22 gennaio scorso, voluta dal ministro della salute Roberto Speranza per coordinare 24 ore su 24 le azioni da mettere in campo per evitare la diffusione dell’epidemia del virus Covid-19 nel nostro paese.

Nella foto postata ieri sui social dal ministro della salute si può vedere anche il medico abruzzese, di Tagliacozzo, nella Marsica, direttore della prima divisione affari generali della direzione centrale di sanità della polizia di stato, lavorare a stretto contatto con gli altri membri della task force, composta anche dalle altre direzioni competenti provenienti dai carabinieri dei Nas, dall’istituto superiore di sanità, dall’istituto nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, dagli Usmaf (uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera), dall’agenzia italiana del farmaco, dall’Agenas e dal consigliere diplomatico.

In particolare la task force ha già provveduto ad allertare le strutture sanitarie competenti per fronteggiare la situazione, in strettissimo contatto con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e il Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc); ha attivato i controlli agli aeroporti e verificare la piena operatività delle procedure avviate; ha diramato a istituzioni, enti e organizzazioni professionali interessati, circolari contenenti indicazioni operative; ha verificato che le misure adottate dall’Italia siano in linea con quanto indicato dall’Oms e sta gestendo i casi confermati nel nostro paese in collaborazione con regioni e Asl locali.