The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Emiliano Toso arriva al teatro Tosti di Ortona, il pianista porterà in Abruzzo la sua Translational Music

Chieti. Emiliano Toso, pianista musicista, biologo cellulare e compositore di musica a 432 hz, la frequenza della natura, suonerà domani sera, a partire dalle 20.30, al Teatro Tosti di Ortona. Il musicista spiegherà la meraviglia della sua musica e saranno presenti, oltre al pianoforte, il violino di Nataliya Nykolayishin e il violoncello di Lorena Borsetti, accordati sempre a 432 Hz. Il progetto musicale di Toso entra in sintonia con la frequenza che è alla base del nostro corpo e dell’universo, poiché la Translational Music (nome del suo progetto musicale) è “la modalità per tradurre emozioni vissute a livello profondo, cellulare, in un piano più alto, quella della musica”.

“Sempre più numerose sono le pubblicazioni scientifiche”, spiega Toso, “che dimostrano come la musica possa interagire con il nostro corpo modulando diverse funzioni cardiache e neurologiche che portano a meccanismi misurabili di riduzione dello stress; altri studi dimostrano come la musica possa interagire con la pressione sanguigna, il battito del cuore, la respirazione, la temperatura corporea e la risposta epidermica; ci sono studi che dimostrano l’effetto della musica sul sistema immunitario ed endocrino, oltre che sul miglioramento di stati di dolore, ansia, nausea, fatica e depressione”.

Laureato in Scienze Biologiche nel 1998 e, dopo aver conseguito il dottorato in Biologia Umana presso l’Università di Torino con specializzazione in basi molecolari e cellulari, Toso intraprende un’importante carriera scientifica come Associate Director responsabile del gruppo di Biologia Molecolare presso la Merck-Serono. Nel 2013 la sua passione per la musica e per la composizione lo porta a incidere il primo album ‘Translational’ che integra musica a 435 hz e biologia.