The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Erasmus+, Istituto Tito Acerbo presenta il Museo Virtuale dell’Energia: ecco tutte le informazioni

L’Aquila. Il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca ha presenziato all’evento dell’Istituto Tito Acerbo “Sinergie a Confronto” che si è tenuto presso l’Aurum di Pescara a conclusione del  progetto “L’officina della Creatività: apprendere per un futuro sostenibile nella classe 3.0” all’interno del programma Era­smus+, pro­mos­so dal­la Com­mis­sio­ne Eu­ro­pea.

Il Tito Acerbo, capolista del progetto, ha realizzato il primo Museo Virtuale dell’Energia con la collaborazione di Istituti partner spagnoli, greci e portoghesi. Così il Sottosegretario sulla sua pagina social: “L’I­sti­tu­to “Tito Acer­bo”, grazie alle op­por­tu­ni­tà of­fer­te dal programma europeo “Era­smus+”, ha mes­so in pra­ti­ca pro­get­ti, ini­zia­ti­ve ed even­ti de­sti­na­ti a pro­muo­ve­re una cit­ta­di­nan­za eu­ro­pea at­ti­va e a fa­vo­ri­re la coo­pe­ra­zio­ne per l’in­no­va­zio­ne e le buo­ne pra­ti­che. Stamattina, all’Aurum di Pescara, sono rimasto fortemente impressionato da qualità e quantità delle attività realizzate, opportunamente evidenziate nell’evento finale del progetto “L’officina della Creatività: apprendere per un futuro sostenibile nella classe 3.0”.

Il progetto è stato realizzato dal Tito A­cer­bo dal 2016 in poi in par­te­na­ria­to con quattro scuo­le europee (due spa­gno­le, una por­to­ghe­se e una gre­ca) e il Ser­vi­zio Ri­sor­se del Ter­ri­to­rio del­la Re­gione Abruz­zo.Abbiamo ri­per­cor­so le tap­pe del la­vo­ro svol­to insieme agli sta­ke­hol­ders e agli ospi­ti e abbiamo posto le basi per fu­tu­ri svi­lup­pi di quan­to rea­liz­za­to, con le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne e stra­nie­re, le as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria e le azien­de pub­bli­che e pri­va­te, an­che at­tra­ver­so ap­po­si­ti pro­to­col­li di in­te­sa e ac­cor­di di pro­gram­ma con scuo­le, uni­ver­si­tà, comparti pubblico e privato, per la va­lo­riz­za­zio­ne del ri­sul­ta­to fi­na­le del pro­get­to, ov­ve­ro il “Museo virtuale dell’energia”, che merita assolutamente di essere im­ple­men­ta­to”. Hanno partecipato all’evento rap­pre­sen­tan­ti del­le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne e stra­nie­re, di as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria e di azien­de pub­bli­che e pri­va­te.