The news is by your side.

Escursionista in difficoltà sulla Majella, tratto in salvo da 118 e soccorso alpino dopo una notte

Chieti. Sembrava che non fosse necessario l’intervento del Soccorso Alpino, ma la mancanza di equipaggiamento e una scarsa conoscenza del luogo, hanno obbligato i tecnici del Cnsas, supportati dall’elicottero del 118, a intervenire questa mattina in prossimità del Bivacco Grotta dei Callarelli (1553 m s.l.m.), sulla Majella, per effettuare il recupero di un escursionista di Pesaro. Dopo la segnalazione del mancato rientro a Fara S.Martino, dove l’uomo alloggiava, inoltrata ieri sera dai Carabinieri della stazione di Lanciano, i tecnici del Cnsas sono rimasti per tutta la notte in contatto telefonico con l’uomo che ha confermato di stare bene e di voler pernottare nella Grotta dei Callarelli. L’indomani sarebbe ripartito dal bivacco per portare a compimento un’escursione di 15 km, intrapresa il giorno prima e conosciuta come l’Anello della Val Serviera. Purtroppo la mancanza di equipaggiamento, che in questa stagione presuppone oltre all’abbigliamento invernale anche l’uso di piccozze e ramponi, ha costretto l’uomo a richiedere l’intervento dei soccorsi. Frenato dalla presenza della neve ghiacciata, l’escursionista è stato recuperato dall’elicottero del 118 e dai tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.