The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Filippone: ‘Il Comune di Pianella fa cassa con gli Autovelox a danno della collettività’

Pianella. Il Sindaco di Pianella Marinelli prima promette “Pianella, arrivano gli Autovelox. Pronte le colonnine nei punti più pericolosi, il Sindaco: non faremo stragi di multe” nell’articolo di Il Centro del 24 Aprile 2015, si affermava che “….gli Speed Control non avrebbero una funzione punitiva nei controlli degli automobilisti, non servirebbero quindi a fare cassa, ma a scoraggiare l’alta velocità”. L’amministrazione Marinelli è passata da un incasso di circa €100.000,00 del Bilancio 2016 ad un incasso ipotetico di € 130.000,00 nel Bilancio previsionale 2017, quindi si evince la volontà di incassare di più a discapito dei cittadini. A Pianella non si vuole colpire con sanzioni solo gli automobilisti che scambiano le strade della Città per piste da corsa, ma si vuole cassa, in quanto si applica tassativamente il codice della strada, cioè il limite scatta a 56 Km orari, ridotti per legge di 5 Km, quindi si comincia a prendere multe da 51 Km orari.

Da informazioni acquisite le amministrazioni dei comuni vicini, invece, fanno multe con l’autovelox solo a chi crea l’effettivo pericolo, considerando la pericolosità dei tratti della viabilità, verificando il numero di incidenti avvenuti nelle strade interessate. Oggi i Pianellesi possono prendere più volte al giorno multe per autovelox a 51 Km orari. Si sono stufati di sentire le false promesse dell’amministrazione Marinelli, ma vogliono capacità concrete per tutelare i cittadini e risolvere concretamente i problemi della viabilità e non tartassare con multe senza senso i cittadini. Io non sono per la trasgressione delle regole, ma per colpire chi crea l’effettivo pericolo, come avviene nei Comuni vicini. L’Amministrazione Marinelli è capace solo di fare false promesse ai cittadini! Occorre lavorare per dare risposte a tutti, delle risposte serie e concrete!” Così in una nota il Capogruppo di “PIANELLA AMICA”, il consigliere Gianni Filippone.