The news is by your side.

Fondi per l’impianto irriguo nella Marsica orientale, Paolucci (Pd): impatto positivo, lontano rischio chiusura

La soddisfazione del consigliere regionale: "porterà benefici al territorio che contribuisce all'economia regionale"

Avezzano. “Nel corso delle scorse settimane mi era stata rappresentata da numerosi amministratori locali la necessità di intervenire sull’impianto irriguo a servizio dei Comuni della Marsica orientale, per superare le problematiche causate dalle numerosi perdite presenti sulla rete”. Commenta con queste parole il consigliere regionale di centro sinistra, Silvio Paolucci,  l’approvazione del progetto di legge per la valorizzazione delle opere irrigue del Fucino e i fondi stanziati per la Marsica orientale. “Nei giorni immediatamente successivi a tale incontro”, precisa Paolucci, “ho inteso confezionare un provvedimento per dotare il Consorzio di Bonifica di Avezzano delle risorse finanziarie necessarie ad ammodernare un’infrastruttura che presenta molteplici criticità a causa del suo stato di vetustà”.

“Poco fa, finalmente, il Consiglio regionale d’Abruzzo ha dato il via libera definitivo al provvedimento”, commenta entusiasta il consigliere regionale del Partito democratico, “dopo alcuni stop and go causati dalle fibrillazioni interne alla maggioranza. Sono convinto che questo stanziamento sarà molto utile per superare le problematiche registrate, con un impatto positivo non solo all’ambiente, per gli evidenti risparmi della risorsa idrica soprattutto nel periodo estivo, ma anche sul bilancio del Consorzio in ragione dei minori costi per le successive manutenzioni”.

“Questo investimento, inoltre, permetterà di allontanare il rischio chiusura dell’impianto”, continua, “ormai non più in grado di raggiungere un equilibrio tra costi e ricavi. Desidero, infine, ringraziare i colleghi consiglieri per aver sostenuto questa iniziativa”, conclude Paolucci, “che porterà benefici ad un territorio che contribuisce in maniera significativa all’economia della nostra regione”.