The news is by your side.

Fondi scuole, è polemica. Ascani (Pd): enti locali agiscano. Biondi (FdI): non parla con le istituzioni

È scontro tra il viceministro per l'Istruzione e il sindaco dell'Aquila

L’Aquila. È polemica tra il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, in quota Fratelli d’Italia, e il viceministro per l’istruzione del Pd Anna Ascani, in visita in Abruzzo con una tappa all’Aquila. “Siamo qui a chiedere agli enti locali di individuare le aree per la ricostruzione delle scuole”, ha detto il viceministro, “appena fatto saremo pronti a partire immediatamente, abbattendo vincoli burocratici e utilizzando i fondi già stanziati e quelli in programma. Ci sono 170 milioni per l’Abruzzo, a breve verrà stilato un ulteriore fabbisogno con 100 milioni focalizzati sull’Aquila e il Cratere sismico 2009. Siamo pronti a intervenire, ma c’è bisogno che gli enti locali ci diano risposte”.

La replica del sindaco aquilano arriva in una nota nel pomeriggio di ieri. “Prendo atto che un viceministro del governo”, ha sottolineato Biondi, “ancor prima che esponente di partito, come l’onorevole Anna Ascani, abbia avuto il tempo di venire in città e parlare di ricostruzione pubblica, ma non si sia degnata di incontrare il sindaco e le istituzioni del territorio che, forse, avrebbero potuto fornire informazioni e dettagli su un tema fondamentale quale l’edilizia scolastica. Una gaffe a cui il Pd, partito di Ascani”, ha proseguito Biondi, “ha pensato bene di provare a mettere una toppa trasmettendo solo oggi un invito per l’incontro che lunedì prossimo il ministro Paola De Micheli terrà ad Avezzano”.

“Oggi, dunque, il viceministro dell’Istruzione lascia la nostra città senza avere il quadro dei processi in corso”, ha aggiunto Biondi nella nota, “delle battaglie che dovrebbero essere la quotidianità del suo dicastero e della sua missione di legislatore”.

“Non mi sembra sia al corrente, per esempio, del fatto che l’emendamento approvato questa notte al decreto Milleproroghe, con cui viene prorogata la convenzione tra Comune, Anac e Provveditorato interregionale alle Opere pubbliche Lazio-Sardegna e Abruzzo, fosse già stato presentato a novembre nel corso dell’iter di conversione in legge del decreto sisma, ma che fu bocciato con il voto contrario, tra gli altri, dell’onorevole Stefania Pezzopane. Un provvedimento, comunque”, ha concluso Biondi, “che non risolve del tutto i problemi ed è ben altra cosa rispetto alle norme di semplificazione che invochiamo ormai da anni”.

La deputata aquilana del Pd Stefania Pezzopane, che ha accompagnato Ascani, ha annunciato che in nottata, attraverso un emendamento al “Milleproroghe”, “è passata la proroga per due anni della convenzione con il Provveditorato e Anac che permette di derogare al Codice degli appalti per la ricostruzione delle scuole: “Ora ci sono i soldi e ci sono le norme”, ha detto, “il Comune faccia il suo dovere e agisca subito per accelerare”.