The news is by your side.

Fusione Fca-Psa, interviene Febbo: felici per aggregazione, ora puntiamo a sviluppo azienda e occupazione

Chieti.“Siamo felici che si possa realizzare la fusione dei due gruppi Fca e Psa, che consolida di fatto un rapporto esistente in Abruzzo da oltre 40 anni”. Questo il commento dell’assessore alle Attività produttive della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, in merito alla fusione dei gruppo Fca e Psa. “L’aggregazione tra questi due colossi”, sottolinea l’assessore di Regione Abruzzo, “tra l’altro, creerebbe il quarto costruttore automobilistico al mondo per vendite annuali, con 8,7 milioni di veicoli, con ricavi congiunti di quasi 170 miliardi di euro, senza chiusure di stabilimenti, e unirebbe la forza dei brand dei due gruppi nei vari segmenti con particolare riferimento ai veicoli commerciali leggeri, rendendoli ancora più forti. Oggi la sfida è globale, quindi bisogna essere forti e grandi per competere”.

“E’ evidente”, aggiunge Febbo, “che si aprirebbero nuovi scenari e il 2023 non rappresenterebbe più una data a rischio per Sevel. Infatti, questa unione tranquillizza tutti per un futuro di possibile ulteriore sviluppo di tutta la filiera automotive regionale. E’ chiaro che un gruppo di queste dimensioni potrà affrontare una sfida diventata ormai mondiale dove la competitività diventa un fattore vincente, che si sviluppa anche sulla ricerca i cui costi ormai sono divenuti insostenibili rispetto alle singole aziende”.

“E qui ribadisco la necessità di essere tutti uniti: azienda, lavoratori, amministratori regionali e locali lavoriamo insieme per vincere la sfida. Dobbiamo”, conclude Febbo, “superare i problemi e criticità che possono esserci per la nuova turnazione o paventati scioperi come quello del 2 novembre. Abbiamo il dovere e l’obbligo di pensare più in grande, oggi fortunatamente possiamo parlare di sviluppo della produzione del veicolo commerciale o non di crisi. Occasione da cogliere”.