The news is by your side.

Gamberale, il TAR interviene a tutela della sorgente. Presentato decreto cautelare di sospensione lavori

L’Aquila. Il TAR dell’Aquila discuterà il 12 settembre prossimo in seduta collegiale il ricorso che Salviamo l’Orso, WWF e LIPU hanno presentato, attraverso gli avvocati Michele Pezone e Herbert Simone, per l’annullamento previa sospensione del parere favorevole con prescrizioni del Comitato VIA e della deliberazione del Consiglio comunale in relazione al progetto di “ristrutturazione e ammodernamento di un impianto scioviario esistente nel centro turistico Oasi del Cervo” in località La Forcella di Gamberale.

I lavori prevedono, dal 1 agosto, impattanti opere di sbancamento di terreni e addirittura di captazione in sorgente, opera quest’ultima non solo negativa dal punto di vista ambientale, ma con potenziali influssi sul regime di circolazione delle acque sotterranee e sulle sorgenti di acqua potabile e sulla quale la Regione Abruzzo al momento non si è in alcun modo espressa.

Il Presidente del TAR L’Aquila Antonio Amicuzzi ha nei giorni scorsi emesso in proposito un decreto cautelare con il quale ha sospeso i lavori riguardanti l’adduzione di acqua da detta sorgente ritenendo sussistere per questi lavori i requisiti dell’estrema gravità e urgenza, tali da non consentire neppure di attendere fino all’udienza del 12 settembre, quando verrà valutata, sempre in sede cautelare, la richiesta presentata dalle associazioni di sospensiva integrale dei lavori, per i motivi già ampiamente illustrati sia nell’istanza cautelare che nel ricorso introduttivo del giudizio e nel ricorso per motivi aggiunti: in sostanza perché secondo le associazioni ricorrenti l’opera è dannosa per l’ambiente, inutile per il territorio e per la sua economia a lungo termine, e rappresenta un sostanziale spreco di risorse pubbliche.