The news is by your side.

Garanzia Lavoro: 200 lavoratori assunti a tempo indeterminato con fondi a imprese abruzzesi

Quaresimale: in questi giorni impulso all'erogazione dei contributi in favore di oltre 120 imprese

Pescara. Oltre due milioni di euro in favore delle imprese abruzzesi per 200 lavoratori assunti a tempo indeterminato. Sono gli ultimi numeri dell’Avviso “Garanzia Lavoro” che prevede aiuti in de minimis in favore delle aziende abruzzesi che assumono disoccupati a tempo indeterminato. In questi giorni, su esplicita richiesta dell’assessore alle Politiche del Lavoro Pietro Quaresimale, gli uffici hanno dato impulso all’erogazione dei contributi in favore di oltre 120 imprese. ”

“La mia richiesta di accelerare la concessione dei finanziamenti – ha detto l’assessore Quaresimale – è da collegare al momento difficile che stanno attraversando le imprese abruzzesi, strette dalla crisi economica da un lato e dall’emergenza sanitaria dall’altro. Mettere in campo oltre 2 milioni di trasferimenti a seguito di 200 assunzioni già operative da parte delle aziende, può rappresentare una importante iniezione di fiducia per uscire dalla crisi. Certo – aggiunge Quaresimale – se il percorso che permetterà alle aziende abruzzesi di tornare a respirare è ancora lungo e comunque è inevitabilmente legato all’andamento dell’emergenza sanitaria e del Covid-19, l’erogazione dei contributi in questo momento previsti dall’avviso tende a rafforzare quel clima di fiducia che è quanto mai necessario per ripartire”.

L’erogazione dei contributi in favore delle imprese che hanno assunto disoccupati è stata autorizzata dalla Giunta regionale dopo la decisione di procedere allo slittamento delle graduatoria dell’avviso Garanzia Lavoro promosso nell’ambito della programmazione FSE. “E’ stata una precisa scelta del governo regionale – spiega Quaresimale – per dare impulso al mercato dell’occupazione in un momento difficile e drammatico dell’economia nazionale e regionale. Peraltro, gli uffici in questo modo hanno fatto leva su procedure consolidate, incrementando la spesa FSE”.