The news is by your side.

Gestione aeroporto d’Abruzzo, la svolta: Rayanair annuncia chiusura base a Pescara

Pescara. Saga ha appreso da una nota formale Ryanair, che nella giornata di oggi verra’ annunciata la chiusura della Base Ryanair a Pescara, aperta nel 2009 e la riduzione del programma voli a due destinazioni a partire dal 27 ottobre 2016, pertanto i voli per Londra, Francoforte, Bergamo, Barcellona, Dusseldorf, Parigi, Charleroi saranno garantiti sino alla fine della Summer 2016, gia’ in vendita sul sito della compagnia. Lo annuncia la stessa Saga. aeroporto“Sempre nella stessa nota pervenuta a Saga – si legge in un comunicato della societa’ che gestisce l’aeroporto di Pescara – Ryanair attribuisce all’incremento delle addizionali comunali le motivazioni che hanno generato la decisione di sospendere parte della propria operativita’ sull’Aeroporto d’Abruzzo visti gli impatti negativi sulla redditivita’ delle rotte e che quindi rende insostenibile il mantenimento di alcune destinazioni. Il vettore irlandese ha comunque indicato una disponibilita’ a rivalutare le decisioni assunte in caso della prospettazione di forme compensative a tali incrementi resi disponibili entro le prossime settimane. La Saga – prosegue il comunicato – ha comunque avviato la ricerca di vettori potenzialmente interessati ad operare sullo scalo abruzzese. Infatti, nel rispetto delle Linee Guida Nazionali e Comunitarie, la Saga ha pubblicato la Policy Commerciale con lo scopo di rendere noto a tutti i vettori gli obiettivi e le modalita’ delle incentivazioni e/o contributi di Marketing che saranno messe a disposizione delle compagnie aeree che si proporranno con programmi di sviluppo del mercato aeroportuale, ed ha in corso contatti ed incontri con diversi vettori al fine di sollecitare un loro interessamento a sviluppare servizi aerei. Inoltre – conclude il comunicato – la Saga ha avviato un percorso di confronto con le organizzazioni del segmento ricettivo per definire le strategie e strumenti da sviluppare al fine di incrementare ulteriormente le opportunita’ di sviluppo della destinazione Abruzzo”.