The news is by your side.

Giornalista minacciata di morte e perseguitata sui social, due giovani di Avezzano davanti al giudice

Volevano convincerla a cancellare un articolo di cronaca

Avezzano. Minacciata su Facebook, via email, con messaggi vocali e con frasi intimidatorie: “ti ammazzo di botte”, “ti strappo il cuore”,  “ti do fuoco”. Sono alcune delle minacce subite da una giornalista marsicana, all’epoca dei fatti direttore di un quotidiano online. Due giovani di Avezzano dovranno comparire davanti al giudice monocratico del tribunale di Avezzano con l’accusa di minacce aggravate e violenza privata. Si tratta di Antonio Ranieri, 29 anni, e Aldo Ranieri (33), fratelli di Avezzano.

Sotto tiro da parte dei due marsicani era finita, per un articolo di cronaca che vedeva coinvolti i due giovani, la giornalista Magda Tirabassi.  I fatti risalgono a giugno del 2017 quando la giornalista scrisse un articolo  riguardante una vicenda su cui la magistratura sta ancora cercando di fare chiarezza, la morte Matteo Mirasole, il giovane avezzanese scomparso in circostanze poco chiare il 7 giugno 2017, nella clinica di Colle Cesarano a Villa Adriana di Tivoli.

I due fratelli, amici del giovane scomparso, iniziarono a perseguitare la giornalista  sui social e al telefono, con messaggi vocali e frasi minacciose. Secondo l’accusa del procuratore Andrea Padalino, il primo fratello avrerbbe  compiuto atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere la giornalista  a rimuovere l’articolo, mandando un messaggio vocale su Messenger e minacciandola che l’avrebbe raggiunta per dare fuoco al suo officio e dicendole al telefono che le avrebbe “strappato il cuore”.
Il secondo fratello avrebbe scritto “giornalista merda” su
Facebook oltre a ribadire che sarebbe andato a cercarla e l’avrebbe “ammazzata di botte”. L’udienza davanti al gup è stata fissata per martedì prossimo. I due giovani sono difesi dall’avvocato Roberto Verdecchia, mentre la giornalista marsicana dal legale di fiducia Federica Federici.