The news is by your side.

Giulianova, comitati di quartiere uniti per la pulizia del lungomare dalla sabbia. Lotta alla sporcizia e al disordine

Giulianova. Venerdì mattina i due Comitati di Quartiere Lido ed Annunziata, con i rispettivi presidenti Grazia Corini, ed Antonio Fusaro, hanno protocollano una lettera indirizzata a tutte le parti di competenza  per segnalare un grande disagio sulla parte nord del Lungomare. Come da foto,  in più punti il lungomare è così invaso da sabbia da non permettere di transitare liberamente in sicurezza sul marciapiede ciclopedonale.

In molte zone non si può più transitare al punto che diventa pericoloso per i ciclisti, per i pedoni, per i portatori di disabilità e quanti in questi giorni, approfittando delle belle giornate di sole, si sono trovati di fronte a delle vere e proprie dune.

Un problema che si porta da avanti da molto tempo, tante segnalazioni sono state fatte in passato anche da noi Comitati, problemi di vero e proprio disagio, alcuni in bici sono caduti, i pedoni spesso perdono l’equilibrio ed in carrozzina un portatore di disabilità si vede costretto ad abbandonare il marciapiede.

A tutto questo disagio i Comitati diciamo basta, non si capisce come mai ancora non si intervenga, come mai nessuno rimuova la sabbia e come mai si perda ancora tempo. Il codice della strada nell’articolo 15 prevede che “su tutte le strade e loro pertinenze è vietato depositare rifiuti o materie di qualsiasi specie, insudiciarle e imbrattarle”. Il marciapiede facente parte della strada va da subito liberato e messo in sicurezza perchè la sicurezza di un qualsiasi cittadino va messa sempre al primo posto.

“Questa mattina, inoltre, abbiamo anche incontrato la capitaneria portuale – spiegano i due presidenti dei comitati – per capire e sapere chi si dovesse muovere ed il percorso burocratico da intraprendere. Ci aspettiamo il marciapiede sia liberato il prima possibile da questa “invasione sabbiosa” e che i cittadini possano camminare liberamente e godersi queste belle giornate invernali di sole”.