The news is by your side.

Giunta Tagliacozzo ingaggia avvocato e avvia azioni legali contro 3 testate. Assemblea Centro: “grave atto intimidatorio”

Tagliacozzo. Una delibera per agire legalmente contro le testate giornalistiche “ree” di aver riportato la notizia di un’acquisizione di atti in Comune da parte del nucleo investigativo dei carabinieri su disposizione della procura di Avezzano riguardo a un’indagine sulla progettazione del nuovo campus scolastico. Questi articoli, secondo la giunta, avrebbero pregiudicato l’onorabilità dell’amministrazione.

L’accaduto è stato oggetto di un’assemblea generale dei giornalisti del principale quotidiano abruzzese il Centro.
La delibera (Vedi)  è la numero 5 dell’08 gennaio 2019. E’ stata proposta dall’assessore Giuseppe Mastroddi e firmata dal vicesindaco Chiara Nanni e dall’assessore Roberto Giovagnorio. Oltre che dal sindaco Vincenzo Giovagnorio.
Hanno dato parere favorevole di regolarità tecnica il responsabile del servizio amministrativo, di regolarità contabile il responsabile del settore finanziario e il segretario Comunale.

La giunta ha deliberato di quantificare in complessivi 3.972 euro, oltre oneri di legge, l’importo del compenso all’avvocato conseguente l’affidamento di detto incarico.
L’assessore Mastroddi ritiene i che “i titoli sensazionalistici siano oltremodo pregiudizievoli dell’onorabilità e del buon nome dell’attuale Amministrazione”. Per tale motivo “intende agire a tutela dell’immagine dell’Ente in ordine a taluni articoli di stampa apparsi sui quotidiani “Il Centro”, “Marsicalive” e “Terre Marsicane”, inerenti una presunta inchiesta giudiziaria riguardante l’appalto della progettazione del campus scolastico”. Per leggere l’articolo clicca qui.
L’assessore Mastroddi ritiene inoltre che “sussistano ragioni ed elementi di fatto e di diritto che legittimano l’avvio di azioni legali, sia civili che penali“.
Per tale motivo è stato dato “mandato al servizio competente”…”in relazione alla acquisizione di specifico preventivo legale, all’assunzione del relativo impegno di spesa, e alla sottoscrizione del disciplinare di incarico”.

Dura la nota sindacale pubblicata questa mattina nelle pagine regionali. “L’assemblea dei giornalisti del quotidiano il Centro condanna fermamente il grave atto intimidatorio messo in atto dalla giunta del Comune di Tagliacozzo che l’8 gennaio scorso ha deliberato un provvedimento a tutela dell’immagine dell’amministrazione. Provvedimento che non ha precedenti in Abruzzo e che impegna la giunta ad agire in tribunale a tutela dell’immagine dell’Ente in ordine ad articoli di stampa apparsi sui quotidiani “Il Centro”, “Marsicalive” e “Terre Marsicane”, inerenti una inchiesta giudiziaria riguardante l’appalto della progettazione del campus scolastico portato avanti dall’ufficio tecnico comunale. Per tale atto la giunta di Tagliacozzo ha quantificato in complessivi 3.972 euro, oltre oneri di legge, l’importo del compenso conseguente l’affidamento dell’incarico a un legale. La “colpa” del quotidiano il Centro è quella di avere riportato la notizia di una acquisizione di atti nel municipio di Tagliacozzo, compiuta dai carabinieri dell’Aquila, relativamente a un procedimento giudiziario avviato dalla Procura di Avezzano. Notizia ampiamente documentata e successivamente ripresa da altre testate giornalistiche. Già nell’immediatezza della pubblicazione, il sindaco del Comune di Tagliacozzo aveva esternato il proprio disappunto con alcuni post apparsi su Fb, arrivando addirittura a parlare di collusioni tra giornalisti e politica locale. Sindaco che già in precedenza, alla pubblicazione di articoli sgraditi, aveva manifestato, sempre con gli stessi mezzi, il proprio disappunto nei confronti dei giornalisti. L’assemblea dei redattori del quotidiano il Centro, oltre a respingere al mittente qualsiasi allusiva invettiva, ritiene estremamente grave la delibera adottata dalla giunta di Tagliacozzo. Sappiano gli amministratori di Tagliacozzo che nessuno può permettersi di costruire bavagli attorno all’informazione. Questo provvedimento costituisce una vera e propria intimidazione a danno di un’intera categoria. Oltre ad auspicare una ferma e decisa presa di posizione da parte dell’Ordine dei giornalisti e dell’Assostampa, l’assemblea dei redattori invita anche la proprietà del quotidiano il Centro ad adottare tutti gli opportuni provvedimenti a tutela della propria immagine e onorabilità“.