The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Grandi Rischi, condanna confermata? Oggi si decide in appello la sorte dei 7 esperti

L’Aquila. La Corte d’Appello dell’Aquila oggi decide se confermare o riformare la condanna a 6 anni in primo grado per i sette componenti della Commissione Grandi Rischi. L’accusa è quella di aver falsamente rassicurato gli aquilani e sottovalutato il rischio sismico al termine della riunione del 31 marzo 2009, cinque giorni primProcesso_Commissione-Grandi-Rischia della scossa distruttiva del 6 aprile alle 3:32. I condannati in primo grado (ottobre 2012) a sei anni di reclusione ciascuno per omicidio colposo e lesioni personali colpose sono Franco Barberi, all’epoca presidente vicario della commissione Grandi rischi, Bernardo De Bernardinis (l’unico che e’ stato sempre presente in aula in tutte le udienze), gia’ vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione civile, Enzo Boschi, all’epoca presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto C.a.s.e., Claudio Eva, ordinario di fisica all’Universita’ di Genova e Mauro Dolce, direttore dell’ufficio rischio sismico di Protezione civile. Tutti in primo grado sono stati condannati in solido tra loro e con il responsabile civile (presidenza del Consiglio dei ministri, in persona del presidente del Consiglio dei ministri pro tempore), al risarcimento del danno, da liquidarsi in separato giudizio nei confronti delle parti civili con una provvisionale di 7 milioni. Il collegio giudicante e’ presieduto da Fabrizia Ida Francabandera, a latere Carla De Matteis e Marco Flamini.